Eurosport

Grande Italia al Grand Prix di Tel Aviv

Grande Italia al Grand Prix di Tel Aviv

Il 26/01/2019 alle 20:23Aggiornato

L’Italia torna dal Grand Prix di Tel Aviv con uno dei bottini migliori degli ultimi tempi: due ori, tre argenti e un bronzo.

La stagione 2019 dell’IJF World Tour ha preso ufficialmente il via con il primo evento dell’anno, il Grand Prix di Tel Aviv. Con 379 atleti provenienti da 53 nazioni, la città israeliana è diventata per tre giorni centro internazionale del judo mondiale.

E da Israele l’Italia torna con grandi soddisfazioni: tra i 21 atleti azzurri che sono scesi sul tatami, 6 sono riusciti a conquistare una medaglia. Di queste, due sono d’oro, tre d’argento e una di bronzo.

Il primo a far suonare l’inno di Mameli è stato Manuel Lombardo, che ha vinto la finale dei -66 kg contro l’ucraino Bogdan Iadov. Il 20enne, che lo scorso anno si è laureato campione del mondo under 21, ha battuto l’avversario grazie ad un waza ari nella seconda parte di gara.

Giovanni Esposito (-73 kg), non è riuscito a replicare il successo del compagno di squadra e in finale contro il bielorusso Vadzim Shoka si è dovuto accontentare dell’argento. Fatale per lui un waza ari nella prima frazione di gara.

Il secondo oro è arrivato dalla categoria femminile -63 kg grazie a Maria Centracchio, che con un waza ari ha sconfitto la padrona di casa Inbal Shemesh. Una crescita continua per la Centracchio che lo scorso novembre era arrivata al secondo posto al Grand Prix di Tashkent.

Diversa la gara di Alice Bellandi (-70 kg) che contro la svedese Anna Bernholm ha subito un ippon nella prima frazione di gara senza riuscire più a recuperare. Un bell’argento per lei, che lo scorso ottobre aveva vinto i campionati mondiali juniores.
In campo maschile, Christian Parlati ha vinto il bronzo nella categoria -81 kg, grazie ad un ippon contro l’azero Murad Fatiyev. Anche lui campione del mondo giovanile, ha dimostrato di essere ben pronto per entrare tra i senior.

Infine, l’ultimo a salire sul podio è stato Nicholas Mungai, che nella finale per la categoria -90 kg si è arreso al francese Axel Clerget, capace di batterlo con un ippon. L’ultimo podio di Mungai era stato al Grand Slam di Ekaterinburg nel maggio del 2018, quando era arrivato terzo.

0
0