Eurosport

Perth Oceania Open 2019, Andrea Regis quinto, vince Ntanatsidis

Perth Oceania Open 2019, Andrea Regis quinto, vince Ntanatsidis

Il 04/11/2019 alle 16:47Aggiornato

Il greco Alexios Ntanatsidis ha vinto nella categoria -81 kg al Perth Oceania Open, mentre l'azzurro Regis si è classificato quinto.

A Perth, Australia, è andato in scena il Perth Oceania Open, evento internazionale dell’IJF World Tour equivalente a un Grand Prix, a cui hanno partecipato 309 atleti provenienti da 55 paesi. Quattro gli azzurri in gara: Francesca Milani e Francesca Giorda, entrambe nella categoria -48 kg (alla fine rispettivamente 7° e 5°), Carola Paissoni, categoria -70 kg e Andrea Regis, categoria -81 kg.

Come anticipato in precedenza, Andrea Regis si è classificato quinto, portando a casa una prova convincente anche se non culminata con il podio. Dopo aver battuto il marocchino Achraf Moutii, il polacco Damian Szwarnowiecki (che tra l’altro lo aveva battuto negli altri tre precedenti incontri) e il turco Vedat Albayrak, ha trovato in semifinale il greco Alexios Ntanatsidis.

Proprio Ntanatsidis ha bloccato la sua corsa e lo ha mandato alla finale per il bronzo contro l’azero Murad Fatiyev. Anche in questo caso Regis non è riuscito ad imporsi ed è uscito sconfitto dall’incontro. Ha chiuso quindi in 5° posizione ma con la consapevolezza di aver fatto un buon percorso. Quello che gli è mancato alla fine è stata la lucidità, probabilmente a causa della stanchezza.

Ntanatsidis, poi, si è trovato in finale con il russo Aslan Lappinagov, che è riuscito a battere conquistando il suo primo Grand Prix. Con l’azero Fatiyev è salito sul terzo gradino del podio anche il brasiliano Eduardo Santos.

Nell’ultima giornata di gare è stata impegnata anche l’azzurra Carola Paissoni, che però non è riuscita a superare i sedicesimi, battuta dalla brasiliana Ellen Santana. Nella sua categoria ha trionfato la tedesca Miriam Butkereit, battendo i finale l’irlandese Megan Fletcher. Sul terzo gradino del podio sono salite la belga Roxane Taeymans e l’austriaca Michaela Polleres.

0
0