Getty Images

Cal Crutchlow: “Il doping non è solo ciclismo. Diuretici presenti anche nel motomondiale”

Cal Crutchlow: “Il doping non è solo ciclismo. Diuretici presenti anche nel motomondiale”

Il 29/03/2018 alle 10:51

Dal nostro partner OAsport.it

Un semplice luogo comune. È diventato ormai comodo accostare la parola doping al mondo del ciclismo, visti i tantissimi casi che ci sono stati con il passare degli anni, ma c’è da dire anche che quello delle due ruote su strada è uno degli sport più controllati. Ad esprimersi su ciò è uno che le due ruote le frequenta, in pista, e a su una moto: Cal Crutchlow, che è stato intervistato da Crash.net.

" Quando si parla di doping, il primo sport al quale si pensa in modo istantaneo è il ciclismo, ma sempre più spesso, purtroppo, sono molti gli sport coinvolti. Chi pensa che qui non ci sia chi usa sostanze, che prenda scorciatoie, è un illussione"

E prosegue, riferendosi al Motomondiale: “Penso che il sistema di test sia terribile. Penso che il modo in cui questo sistema è applicato a questo campionato non è assolutamente corretto. Non sto dicendo nulla di nuovo rispetto a quanto ripeto da almeno quattro anni. Se pensi che non ci siano persone che non cerchino di tagliare le curve, nel più grande sport motociclistico al mondo, sei uno stupido. Perché ci sono persone che tagliano le curve”.

Poi entra nello specifico: “Penso che chiunque debba sottoporsi ai test, ognuno dovrebbe loggarsi ed aggiornare sulla propria reperibilità nel sistema ADAMS. E sapete qual è il problema? E’ che sono tutti dei pigri e non vogliono la scocciatura di loggarsi. In realtà basterebbe loggarsi una volta al mese e dichiarare dove ci si troverà ogni giorno. Dopo, se per caso fai qualche cambiamento al tuo itinerario, basta loggarti di nuovo e modificarlo. E per favore, non ditemi che non hanno assistenti, manager o medici che possono farlo…”

Quale tipo di doping sarebbe dunque presente nel Motomondiale? “Non dico che una droga pesante aiuterebbe. La Motogp non è uno sport che premia particolarmente la superperformance atletica. C’è un tipo che corre qui che quando esce fuma e beve, ma riesce lo stesso ad essere competitivo perché ha un talento naturale per correre in moto. Stiamo parlando di reidratazione, contenimento del peso. Qui non sono ammesse scorciatoie e so per certo che c’è chi ne fa uso. C’è chi prende diuretici perché non vuole passare ore ad allenarsi”.

gianluca.bruno@oasport.it

0
0