Getty Images

Romano Fenati a Misano, un anno dopo: un pilota ritrovato che ora si mette nelle mani di Iannone

Romano Fenati a Misano, un anno dopo: un pilota ritrovato che ora si mette nelle mani di Iannone

Il 13/09/2019 alle 12:53Aggiornato Il 13/09/2019 alle 13:56

Il weekend di Misano 2018 è passato alla storia per la folle manovra di Fenati ai danni di Manzi punita con la sospensione della licenza e il licenziamento dal team Snipers. Un anno dopo il pilota marchigiano torna con la consapevolezza di essere un pilota che ha imparato dai suoi errori e, dopo aver ritrovato velocità e vittoria, ora vuole riprendere la propria scalata con Iannone manager.

Romano Fenati, Stefano Manzi, Misano GP 2018, Moto 2

Romano Fenati, Stefano Manzi, Misano GP 2018, Moto 2From Official Website

Per fortuna, anche se non sempre ce lo ricordiamo, il mondo reale è migliore rispetto a quello virtuale e Romano Fenati, scontata la sua squalifica, ha trovato persone disposte a dargli una seconda chance e a dimostrare che un pilota non si può giudicare solo da un singolo gesto, per quanto censurabile e pericoloso. Il team Snipers, che lo aveva licenziato dopo il fattaccio di Misano, gli ha offerto una sella per ripartire dalla Moto3 al fianco di Tony Arbolino, e dopo alcune settimane di riadattamento Romano è riuscito anche a ricompensare il team con una splendida vittoria partendo dalla pole position in Austria. In una recente intervista alla Gazzetta dello Sport, il pilota ascolano ha riassunto il suo anno spiegando come è riuscito a ripartire e soprattutto quanto sia importante non giudicare un libro dalla copertina e soprattutto essere fortunati di avere persone che credono in te e sono pronte anche a rischiare una figuraccia pur di aiutarti a redimerti...

" La vicenda di Misano mi ha insegnato a essere lucido, a provare a risolvere i problemi senza farsi prendere dall’ansia. Ma soprattutto che dai propri sbagli si impara, e bisogna imparare. Io ho provato a guardare avanti, lasciandomi alle spalle tutto il negativo di quello che era successo per provare a migliorarmi [Romano Fenati, 11/9/2019 @Gazzetta dello Sport] "
Romano Fenati - Austria GP 2019 - Getty Images

Romano Fenati - Austria GP 2019 - Getty ImagesGetty Images

Dalla ferramenta alle polizze: le tappe della ripartenza

Tra le chiavi della ripartenza c’è stata il tenersi impegnato e maturare esperienze anche in ambiti che non siano solo la pista. Grazie all’aiuto di Fabio Sbianchi, CEO e fondatore di Octo Telematics (azienda che si occupa di localizzazione satellitare di autovetture) Fenati ogni settimana lavora con un equipe di persone che stanno sviluppando una app per configurare via internet la propria polizza mentre appena può lavora nella ferramenta del nonno...

" Sono uno che se non fa qualcosa diventa nervoso. Se sono a casa vado ogni giorno in ferramenta e do una mano. Faccio quel che serve... Se ho pensato di cambiare vita? Sì anche se correre non era è non è la mia vita. Un pilota senza moto è un pornoattore senza donne. Tornare in Moto3 non è stata una retrocessione... le moto non sono il calcio. Bedon (team principal del Team Snipers) mi ha convinto a correre ma gli ho risposto che lo avrei fatto solo col suo team e facendo la Moto3... Per il 2020 però restare in Moto2 sarebbe inutile. Perderei motivazione. E’ ora di salire di classe, ed è anche troppo tardi"

E ad aiutarlo a trovare un ingaggio nel 2020 sarà Iannone

Ad aiutarlo a trovare una squadra in Moto2 (Gresini, Aspar e Mv Agusta i team in lizza) sarà un manager molto speciale, Andrea Iannone che conosce Romano sin da quando era un bambino e che attraverso il suo entourage di persone fidate (il padre Regalino e il fratello Angelo, che già seguono tutte le attività dentro e fuori dalle piste del centauro di Vasto che ieri nella conferenza ha spiegato così il loro rapporto...

" Conosco Romano da quando aveva cinque o sei anni. Conoscevo suo nonno. Penso che abbia un buon talento, la sua vinta non è stata semplice ma è tornato in questo paddock. Mi ha chiesto se potevo dargli una mano ed abbiamo deciso di aiutarlo. Mio fratello Angelo lo seguirà, cercheremo di aiutarlo nella scelta della moto in ottica 2020. Sono felice di aver trovato questo accordo. [Andrea Iannone, 13/9/2019 @GPOne.com]"

Video - Vettel-Hamilton, Rossi-Marquez, Iuliano-Ronaldo: i 10 episodi più controversi della storia

00:45
0
0