Getty Images

Le pagelle: Rins perfetto, super Rossi, Miller concreto. Marquez e la Honda abdicano

Le pagelle: Rins perfetto, super Rossi, Miller concreto. Marquez e la Honda abdicano

Il 14/04/2019 alle 22:30Aggiornato Il 14/04/2019 alle 23:17

E' tempo di dare i voti ai protagonisti del Gran Premio di Austin, terzo atto del mondiale della MotoGP 2019. Fantastica gara di Alex Rins, che vince il primo GP della sua carriera. Secondo posto fondamentale per Rossi in ottica mondiale, bene Miller. Dovizioso limita i danni e vola in testa alla generale. Disastro Honda e Marquez: il Cabroncito finisce a terra dopo sei vittorie di fila.

Alex RINS Voto 10 e LODE: Che gara dello spagnolo! Parte bene e rimane con i primi. Nel finale passa Vale da fenomeno e comanda nei giri finali. Terzo nel mondiale, questo è un grandissimo campione. Attenzione alla Suzuki che sta crescendo enormemente.

Valentino ROSSI Voto 9: Stupenda prestazione del Dottore, che però viene meno sul più bello. Bravissimo all'inizio a tenere il passo di Marquez, super nel controllare Miller e Rins nella fase centrale. Ci prova nel finale, ma Rins ne ha di più e va a vincere meritatamente. Un peccato, il successo manca da una vita e, con Marquez fuori, era un'occasione da sfruttare. Ora arriva l'esame Jerez, pista da sempre nemica della Yamaha. Se in Spagna la M1 dovesse andare forte, possiamo veramente crederci.

Jack MILLER Voto 8 e mezzo: Secondo podio della carriera in MotoGP, grandissimo risultato su una pista non semplice per la Ducati. Con una scelta di gomme più conservativa forse avrebbe lottato per il successo.

Andrea DOVIZIOSO Voto 7: Esce da una delle piste più difficili per la Desmosedici nel miglior modo possibile. Un quarto posto importante, che gli porta punti fondamentali in ottica mondiale. Da Jerez deve tornare a stare la davanti.

Franco MORBIDELLI Voto 7 e mezzo: Miglior risultato della carriera in MotoGP. Gara corsa in maniera autoritaria e decisa. Bisogna dare continuità ai risultati.

Danilo PETRUCCI Voto 5 e mezzo: Inizio di stagione che lascia un po' l'amaro in bocca. Anche oggi il Petrux ottiene un sesto posto abbastanza anonimo, lontanissimo dal compagno di squadra.

Andrea IANNONE Voto 6: In crescendo rispetto alle ultime deprimenti uscite. Chiude nei 15, anche se deve ringraziare le numerose cadute la davanti e le penalità.

Maverick VINALES Voto 5: Dopo un venerdi da campione, si spegne in qualifica e scompare in gara. La penalità è naturalmente eccessiva, ma l'errore è decisivo e pesante. Occasione persa per fare punti per la generale.

Marc MARQUEZ Voto 4: L'incredibile è successo. Marquez è finito a terra ad Austin, non si pensava potesse accadere. Torna umano anche lui in Texas, ma questa caduta pesa tantissimo sul morale e nella classifica. Un errore abbastanza inutile, soprattutto per il grande vantaggio che aveva sugli avversari. Parte a fionda, semina tutti dopo pochi giri, poi il crash. Rimane il favorito per il mondiale, anche se questo zero rimette in corsa tutti per il mondiale.

HONDA Voto 4: Semplicemente un disastro. Erano 15 GP di fila che la Honda vinceva negli USA, oggi invece è una tragedia sportiva. Fuori Marquez e Crutchlow, out Lorenzo per un problema tecnico, solo Nakagami nei 10. Incredibile.

Johann ZARCO Voto 4: Semplicemente non ci ha ancora capito nulla. Mentre Pol Espargarò vola a Austin, il francese naviga fuori dai 10 e guadagna punti solo grazie alle numerose cadute.

Video - Bagnaia: "Il primo mondiale è indimenticabile, con la Ducati MotoGP feeling subito ottimo"

02:04
0
0