Getty Images

Moto3: Bastianini rompe l'incantesimo! Vittoria davanti a Bezzecchi sempre più leader del mondiale

Moto3: Bastianini rompe l'incantesimo! Vittoria davanti a Bezzecchi sempre più leader del mondiale

Il 17/06/2018 alle 11:44Aggiornato Il 17/06/2018 alle 12:30

Il pilota romagnolo del team Honda Leopard vince la prima gara del 2018 precedendo Bezzecchi, che dedica il secondo posto allo sfortunato Andreas Perez, che è sempre più leader del mondiale in virtù anche della caduta di Jorge Martin nel finale di gara. Chiude il podio Gabriel Rodrigo, primo argentino a salire sul podio in Moto3.

Enea Bastianini rompe un digiuno di vittorie che durava da 609 giorni e torna sul gradino più alto del podio, da dove mancava dal 16 ottobre 2016. Weekend perfetto per la ‘Bestia’ che, scattato dalla pole position, ha vinto una gara combattuta e ricca di colpi di scena: una vittoria di testa e di strategia quella del portacolori del team Honda Leopard, che nella volatona all’ultimo giro è riuscito a scavalcare tre piloti con una staccatona alla prima curva che gli ha permesso di guadagnare la testa della corsa.

Una volta guadagnata la testa del gruppo, Bastianini è stato abilissimo a chiudere tutte le porte e a portarsi a casa il terzo successo nel motomondiale, un exploit che lo rilancia anche nella corsa al titolo e lo porta a 35 punti da Marco Bezzecchi, sempre più leader del mondiale e abile in un weekend ricco di insidie a portare a casa il 5° podio nelle ultime 6 gare. Un podio da dedicare allo sfortunato Andreas Perez, giovane pilota del CEV scomparso lo scorso weekend in un incidente e ricordato dai tre piloti sul podio con un vessillo. Scattato dalla quarta fila con la KTM del team Redox PrüstelGP, il giovane rider riminese è stato abilissimo a risalire il gruppo e a beffare in volata all’ultima curva Gabriel Rodrigo, primo argentino a salire sul podio nella storia della Moto3.

Chi mastica amaro è invece Jorge Martin, scivolato nel corso dell’ottavo giro, e che ora si trova 23 punti da Bezzecchi. Gara da dimenticare anche Niccolò Bulega e Andrea Migno che mentre erano in lotta per la vittoria sono scivolati a terra in due carambole che hanno coinvolto Masia, Canet ed Arenas.

0
0