Getty Images

Gioia Rossi: "Voglio lottare con Marquez, per la gara punto al podio. Marc è più forte ma..."

Gioia Rossi:  "Voglio lottare con Marquez, per la gara punto al podio. Marc è più forte ma..."

Il 24/08/2019 alle 16:34Aggiornato Il 24/08/2019 alle 17:54

Dal nostro partner OAsport.it

Grandissimo sabato per Valentino Rossi che ha guadagnato una bellissima seconda posizione nelle qualifiche del GP di Gran Bretagna 2019, tappa del Mondiale MotoGP che si corre a Silverstone. Il Dottore si è scatenato e domani scatterà in prima fila in occasione della gara con la seria possibilità di puntare al podio e di provare a lottare per la vittoria come non accadeva da tempo.

Il centauro di Tavullia ha analizzato la sua prestazione ai microfoni di Sky Sport:

" E’ stata una qualifica molto importante, siamo contenti anche se non abbiamo fatto la pole position perché partire in prima fila per la gara è cruciale. Mi trovo bene con la moto, ho un buon passo, sono abbastanza veloce e partendo davanti è tutto più facile. C’è stato un po’ di traffico e molta strategia, a un certo punto ero un po’ indietro perché ho faticato con la prima gomma ma poi è andato tutto bene."

Il centauro della Yamaha si è proiettato anche sulla gara dando uno sguardo agli avversari:

" Marquez è quello che va più forte e ha più passo, lo metterei un gradino sopra. Sotto di lui ci siamo io, Quartararo, Vinales, Dovizioso e Crutchlow che più o meno andiamo molto simile e quindi potrebbero esserci 5-6 piloti che lottano per il podio e dovremo essere tra quelli."

Poi c’è stato spazio anche per una battuta a sfondo calcistico:

" Ho più chance di vincere io domani o l’Inter contro il Lecce lunedì sera? Ho paura che abbia più chance l’Inter perché Marquez va un po’ di più, ma sarebbe bello fare una bella gara e lottare per il podio. Mi piacerebbe essere vicino, lottare fino alla fine e vedere. Domani mi stimola battagliare con Quartararo e Marquez, mi piacerebbe lottare per il podio ma bisognerà fare i conti anche con gli altri."

La parole di Dovizioso

Non il sabato che Andrea Dovizioso sognava. Il portacolori della Ducati, infatti, si è dovuto accontentare del settimo posto nella griglia di partenza dopo le qualifiche del Gran Premio di Gran Bretagna 2019 di MotoGP, al termine di un sabato nel quale (nel corso della quarta sessione di prove libere) il suo motore lo ha abbandonato in pista, pochi minuti prima di prendere il via per la delicatissima Q1. Il romagnolo non si è scomposto minimamente e ha estratto il massimo dalla sua GP19: “Nella FP4 ho sentito che il motore si spegneva – racconta il forlivese ai microfoni di Sky Sport – ma non abbiamo ancora avuto modo di analizzare cosa sia successo. In questi casi le motivazioni possono essere molte, per cui vedremo nelle prossime ore”. Un intoppo che non ha scosso Dovizioso che, tuttavia, si deve accontentare del settimo posto:

" Peccato perchè nonostante abbia realizzato lo stesso tempo di Vinales scatterò dalla terza fila e non dalla seconda. Il risultato complessivo non è male e non penso che condizionerà la mia gara. L’aspetto più importante è che nel corso della FP4 ho ritrovato il giusto feeling con la mia moto. Per la prima volta abbiamo provato le gomme hard e anche in quel caso mi sono sentito a mio agio"

La gara di domani vedrà numerose variabili, che Dovizioso prova ad analizzare: “Senza dubbio Marquez ha qualcosa in più di tutti gli altri, quindi vedo le Yamaha e le Suzuki. Le prime sono particolari, perchè sul passo vanno alla grande nei primi giri, poi calano alla distanza. L’unico che fa eccezione sembra Rossi. Attenzione, quindi, alle Suzuki con Rins che sarà pronto a lottare per la vittoria. Oggi è risalito parecchio e quando va così forte nella FP4 significa che lo sarà anche in gara, forse anche di più. Ad ogni modo ci sarà da fare attenzione a diverse cose, dalle gomme, al caldo, fino allo sforzo fisico. Non so davvero come sarà il GP di domani, è complicato da leggere”.

Le parole di Marquez

Marc Marquez dice 60! Sono 60, infatti, le pole position conquistate nella classe regina dal Campione del Mondo che, anche nel corso delle qualifiche del Gran Premio di Gran Bretagna 2019 di MotoGP ha fatto il vuoto, rifilando oltre 4 decimi a Valentino Rossi, l’unico in grado di rimanere nelle sue vicinanze. I numeri per il catalano ormai sono sempre più impressionanti, dato che il nativo di Cervera ha centrato la quinta pole a Silverstone e si è portato alla media del 50% nel rapporto partenze al palo/gare disputate nella MotoGP. Statistiche che fanno spavento a tutti tranne che, ovviamente, allo spagnolo:

" Wow, una pole position ogni due gare in top class non è davvero niente male. L’aspetto che mi rende più felice, però, è il fatto che sono in prima posizione su questo circuito. Silverstone è una pista nella quale spesso ho sofferto, specialmente un anno fa. In questa edizione, invece, stiamo procedendo decisamente in maniera migliore e concludo un ottimo sabato. Ad essere sincero mi sarei accontentato anche della prima fila"

Anche la Q2 odierna ha visto tattiche, fasi di studio e strategie. Questa volta Marquez ha visto da vicino Valentino Rossi, e non solo: “Intanto complimenti a lui per questo secondo posto, ha messo in atto un bellissimo giro. Nel primo tentativo più o meno tutti abbiamo girato da soli, mentre dopo il cambio gomme c’era grande traffico. Quando sono uscito mi sono trovato nella zona di Miller, Petrucci e non solo. Sembrava che aspettassero che li passassi per prendere il punto di riferimento. Io invece ho pensato di essere il primo in classifica, per cui dovevano essere loro a fare il primo passo. Valentino ha dato il via al suo giro e ha centrato un ottimo crono. Dal mio punto di vista ho piazzato uno straordinario 1:58.1 e per ottenerlo serve un pizzico di strategia, ma bisogna dare anche tanto gas”.

A questo punto tutta l’attenzione va sulla gara di domani che vedrà nuovamente il Cabroncito come favorito: “Sarà una grande battaglia – taglia corso il numero 93 – Le Yamaha sono competitive e hanno a disposizione un passo notevole. Domani ci sarà da lottare per il gradino più alto del podio”.

Video - Tanti auguri a Valentino Rossi: dall'apecar a Tavullia alla Leggenda! 40 anni di passione e trofei

01:04
0
0