Getty Images

Dovizioso stravince in solitaria! Lorenzo cade nel finale, sul podio Marquez e Crutchlow. Rossi 7°

Dovizioso stravince! Lorenzo cade, sul podio Marquez e Crutchlow. Rossi 7°
Di Eurosport

Il 09/09/2018 alle 14:43Aggiornato Il 09/09/2018 alle 15:43

Pazzesca gara di Dovizioso! L'Italiano stravince in solitaria a Misano, davanti a Marc Marquez. Grande gara di Jorge Lorenzo, che però cade nel finale quando era secondo. Sul podio Cal Crutchlow. Quarto Rins. Male le Yamaha, con Viñales quinto e Rossi settimo, lontani una vita dal vincitore. Il Cabroncito sempre più leader del mondiale.

Fantastica, stupenda, incredibile gara di Andrea Dovizioso! L'italiano stravince a Misano la terza corsa stagionale, l'11ma della carriera in MotoGP. L'alfiere della Ducati domina in lungo e in largo, chiudendo davanti a Marc Marquez e Cal Crutchlow.

Una vittoria veramente convincente. Sotto il grande caldo di fine estate, il forlivese sfrutta al meglio una Ducati stellare e vince per la prima volta nella carriera a Misano. Una vittoria in solitaria: il Dovi a metà corsa si mette in davanti a tutti per scappare via.

Capitolo Ducati: la moto italiana si dimostra al momento la migliore moto del lotto, con un super Dovi e un gran Lorenzo. Un peccato per Por Fuera, che lotta con Marquez per la seconda piazza fino alla caduta al penultimo giro. Sfuma quindi la doppietta Ducati all'ultimo, cosa accaduta invece al Mugello.

Sale quindi al secondo posto il solito Marquez. Il Cabroncito guida sempre da campione: nonostante sembri quasi sempre impiccato e al limite, Marc combatte con le unghie contro le Ducati, sfruttando nel finale la caduta di Jorge per portare a casa un secondo posto sempre utile nella generale. Ora il divario è di 67 punti su Dovi secondo. Chiude il podio Cal Crutchlow, segno che Honda e Ducati comunque sono più forti rispetto agli avversari.

Altra delusione Yamaha. Dopo la buona qualifica di ieri, la moto giapponese scompare letteralmente. Forse il caldo maggiore di ieri fa male a Viñales e Rossi, che arrivano a una vita dai vincitori. Gara anonima del Dottore, settimo nel finale e mai in lotta per le posizioni che contano.

Con questo Dovi e questa Ducati crescono i rimpianti per una stagione buttata al vento. La moto al momento è la migliore, i piloti sono fortissimi, ma se si vuole battere questo Marquez non bisogna mai sbagliare. Gli errori commessi in stagione sono invece troppi.

I 5 momenti della gara

- Pronti via e Lorenzo è sempre davanti a Miller, poi Marquez, Dovizioso, Viñales, Rins, Crutchlow e Rossi. Il Dovi in poche curve è già alle spalle del compagno di squadra.

- Por Fuera vuole subito andare via e prova a staccare gli altri. Miller scivola e rovina un buon weekend, Dovizioso e Marquez tengono il ritmo del maiorchino. Trio di testa quindi davanti, gli altri più staccati: quarto Rins, poi Crutchlow, Viñales, Pedrosa e Rossi ottavo.

- Al settimo giro Dovizioso rompe gli indugi, passa Lorenzo e cambia ritmo, staccando i due spagnoli. Lorenzo e Marquez rimangono uniti staccati da Andrea di circa un secondo. Quarto Crutchlow, poi Rins, Viñales, Pedrosa, Rossi, Iannone e Bautista.

- Mentre Dovizioso prosegue in testa in solitaria, bellissimo il duello tra Marquez e Lorenzo, con Por Fuera che a metà gara torna davanti al Cabroncito. Gli altri lontano una vita.

- Nel finale i due spagnoli provano a tornare sotto all'italiano, ma Jorge Lorenzo va troppo lungo e finisce a terra. Un gran peccato per Por Fuera, che regala il podio a Cal Crutchlow. Stravince quindi il Dovi davanti a Marc e Cal.

La statistica chiave

Vittoria del Dovi a Misano, successo di Lorenzo al Mugello. La Ducati quest'anno ha trionfato in entrambi i GP italiani.

Il tweet da non perdere

Il migliore

Andrea DOVIZIOSO: Che domenica spettacolare del Dovi! Fantastica corsa, dominata da metà gara in poi. Con una Ducati che vola a Misano, lui la sfrutta al meglio e torna secondo nel mondiale. Peccato per i troppi errori commessi quest'anno.

Il peggiore

Jack MILLER: La Ducati è un missile a Misano, lui però rovina tutto nei primi giri con una scivolata evitabile. Guardando i distacchi degli altri, poteva benissimo arrivare nella top 5.

0
0