Getty Images

Test Jerez 2019: Petrucci davanti a Dovizioso nella prima giornata a Jerez. Rossi 16° a un 1"6

Test Jerez 2019: Petrucci davanti a Dovizioso nella prima giornata a Jerez. Rossi 16° a un 1"6

Il 28/11/2018 alle 17:49Aggiornato Il 28/11/2018 alle 18:22

Dal nostro partner OAsport.it

Ducati protagonista assoluta della prima giornata di test a Jerez de la Frontera, con i due piloti ufficiali Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso a dettare il passo davanti al sorprendente rookie giapponese Takaaki Nakagami (Honda LCR) e agli spagnoli Maverick Viñales e Marc Marquez. Il 28enne nativo di Terni ha firmato il miglior tempo nell’ultima parte della giornata con un 1:37.968 ottenuto al 44° giro, mentre Dovizioso si è fermato a soli 217 millesimi dal compagno di squadra poi è caduto in curva 5 durante la tornata successiva.

La sessione odierna è scattata alle ore 9:30, ma i team hanno preferito aspettare sino alle 11:30 a causa delle temperature troppo basse dell’asfalto che non avrebbero permesso di raccogliere dati significativi. I primi a scendere in pista sono stati i tre piloti Suzuki e Jorge Lorenzo, mentre le Yamaha hanno aspettato ulteriormente prima di cominciare il programma di lavoro. La giornata è entrata definitivamente nel vivo nel primo pomeriggio, momento ideale per svolgere una simulazione di long-run in ottica gara. Lorenzo si è trovato sempre più a proprio agio sulla Honda ed è rimasto abbastanza vicino ai tempi di Marquez (quinto a 0.549) sin dalle prime tornate chiudendo a 0.781 dalla vetta e a poco più di due decimi di ritardo dal nuovo compagno.

Ottimi riscontri per Franco Morbidelli, che si è confermato molto veloce come a Valencia con la Yamaha Petronas ed ha terminato la sessione al sesto posto con 691 millesimi di distacco da Petrucci. Luci ed ombre invece nel box della Yamaha ufficiale, con un Viñales abbastanza competitivo sia sul giro secco che sul ritmo gara ed un Valentino Rossi nelle retrovie distanziato di 1″6 dal miglior tempo. Il nove volte campione del mondo si è concentrato esclusivamente su un lavoro incentrato sullo sviluppo del nuovo motore senza andare a caccia della prestazione pura, ma ha girato abbastanza costantemente su tempi alti, principalmente sul piede dell’1:39 alto. Da segnalare infine le buone prestazioni dei rookie Joan Mir (Suzuki) e Francesco Bagnaia (Ducati Pramac), che hanno chiuso rispettivamente in decima e quattordicesima posizione evidenziando ulteriori progressi rispetto all’esordio e tenendo testa ai più esperti compagni di squadra.

Test Jerez MotoGP 2018: Classifica prima giornata

1 9 D. PETRUCCI 1:37.968
2 4 A. DOVIZIOSO +0.217
3 30 T. NAKAGAMI +0.380
4 12 M. VIÑALES +0.408
5 93 M. MARQUEZ +0.549
6 21 F. MORBIDELLI +0.691
7 99 J. LORENZO +0.781
8 43 J. MILLER +0.848
9 19 A. BAUTISTA +0.862
10 36 J. MIR +0.988

Video - Lorenzo: "E’ un peccato lasciare Ducati ora che mi ero innamorato della moto…"

01:07
0
0