Getty Images

Tony Arbolino ed Alex Marquez chiudono in vetta con tempi da record i test in Moto2-Moto3

Tony Arbolino ed Alex Marquez chiudono in vetta con tempi da record i test in Moto2-Moto3

Il 14/02/2018 alle 23:12

Dal nostro partner OAsport.it

Terza ed ultima giornata di test combinati tra Moto2 e Moto3 sul circuito di Jerez. Oggi tutti i team si sono alternati in pista con tre sessioni per classe, ponendo fine ad una settimana di lavoro intensa cominciata sette giorni fa a Valencia.

Moto3

Parla decisamente italiano la minima cilindrata: ben 7 i centauri del Bel Paese nelle prime 10 posizioni della classifica combinata dei tempi di questo day-3. Davanti a tutti Tony Arbolino, in sella alla Honda del Team Marinelli Snipers, che ha messo in mostra una gran feeling con la pista spagnola migliorando il record del tracciato stabilito ieri da Enea Bastianini con il crono di 1’45″498. Alle spalle di Arbolino, proprio Bastianini, decisamente consistente nel corso di quest’ultimo giorno di prove sulla Honda del Leopard Racing, a 217 millesimi dalla vetta. In terza piazza, l’uomo della pole del 2017, lo spagnolo Jorge Martin (Del Conca Gresini Moto3 – Honda) in 1’45″884. La prima delle Ktm è stata quella del campione del CEV 2017 Dennis Foggia che sulla moto dello Sky Racing Team VR46 (1’45″943) ha già convinto. In quinta posizione, invece, Niccolò Antonelli del SIC58 Squadra Corse (Honda) in 1’46″072. Il roster dei nostri portacolori tra i migliori dieci è stato completato da Marco Bezzecchi (KTM) in 1’46″117 (7°) sulla KTM (PruestelGP), Nicolò Bulega sull’altra KTM della squadra di Valentino Rossi (9° a +0″635) e Fabio Di Giannantonio (10° Honda a +0″663 – Del Conca Gresini Moto3). Lorenzo Dalla Porta (13° Leopard Racing) e Andrea Migno (19° Angel Nito Team Moto3) non sono stati invece velocissimi.

Moto2

Nella classe intermedia la sfida è tutta Italia-Spagna con Alex Marquez ad ottenere il best time odierno in 1’40″926 migliorando anch’egli il primato della pista stabilito ieri da Francesco “Pecco” Bagnaia. Iberico in gran spolvero ma l’alfiere dello Sky Racing Team non è stato a guardare, marcandolo da vicino con il crono di 1’41″260 a 334 millesimi dallo spagnolo. Terzo posto per una delle moto che si preannuncia tra le favorite per la vittoria finale del Mondiale ovvero la KTM con in sella Brad Binder, campione del mondo del Mondiale di Moto3 2016 (1’41″725) a precedere il nostro Lorenzo Baldassarri sulla Kalex del Team Pons (1’41″840) mentre Luca Marini (10° sulla Kalex dello Sky Racing Team VR46) e Mattia Pasini (11° sulla Kalex del Team Italtrans) non hanno cercato il “tempone” ad ogni costo. Da segnalare l’11° crono di Joan Mir, rookie del Mondiale 2018 e vincitore del campionato Moto3 2017 che, sulla Kalex del Team EG 0,0 Marc VDS, si è portato a 1″283 dalla vetta mentre il nostro Romano Fenati, anch’egli new entry di questa categoria, non è andato oltre la ventesima piazza a 1″642 da Marquez. Per quanto concerne gli altri italiani: Simone Corsi (14° Tasca Racng Scuderia Moto2 – Kalex), Andrea Locatelli (24° Italtrans Racing – Kalex), Federico Fuligni (28° Tasca Racing Scuderia Moto2 – Kalex) e Stefano Manzi (30° Forward Racing – Suter).

giandomenico.tiseo@oasport.it

Video - Grazie Dovizioso: il pilota antidivo che ha sfiorato il Mondiale facendo innamorare l'Italia

01:22

0
0