LaPresse

Campionati Italiani, Megli e Restivo volano ai Mondiali, Panziera non impressiona

Campionati Italiani, Megli e Restivo volano ai Mondiali, Panziera non impressiona

Il 05/04/2019 alle 23:40

Dal nostro partner OAsport.it

Va in archivio la penultima giornata dei Campionati italiani di nuoto a Riccione e l’Italia raggiunge quota 18 pass per i Mondiali 2019 a Gwangju (Corea del Sud), programmati dal 21 al 28 luglio.

La prima gara del pomeriggio ha visto gli atleti dei 100 farfalla uomini confrontarsi, ed è stato il campione d’Europa a Glasgow Piero Codia a centrare il bersaglio grosso. Il nostro portacolori si è imposto con il tempo di 51″75 precedendo Santo Condorelli (52″06) e il campione italiano dei 200 delfino Federico Burdisso (52″10). Purtroppo l’atleta dell’Esercito sfiora soltanto il limite imposto della FIN per la qualificazione, visto che il crono per la prova individuale era di 51″6. Fuori da podio invece il campione europeo in vasca corta Matteo Rivolta (52″75), molto distante dai suoi migliori riscontri. C’era grande attesa nell’atto conclusivo dei 100 dorso donne per Margherita Panziera, visto che ieri aveva ottenuto l’eccellente crono di 58″92 (nuovo record italiano e terza prestazione mondiale dell’anno) in prima frazione di staffetta. La veneta quest’oggi non si è ripetuta, nuotando in 59″77, comunque staccando il biglietto per i Mondiali. Alle sue spalle Silvia Scalia (1’00″89) e la talentuosa Giulia D’Innocenzo (1’01″85).

Si può sorridere nei 200 dorso uomini grazie a Matteo Restivo. Il nuotatore della FlorientiaNuotoClub si conferma sempre eccellente negli Assoluti, avvicinandosi al record nazionale (1’56″29) e siglando il riscontro di 1’56″45, sufficiente per volare in Corea del Sud. Un successo con dedica per lui, vista la recente scomparsa di un caro amico. In seconda e terza posizione troviamo Luca Mencarini (1’57″65) ed Emanuel Turchi (1’59″16). Nei 200 farfalla donne è Ilaria Cusinato a trionfare in 2’09″51, mettendo la mano davanti a Stefania Pirozzi (2’10″05) ed a Alessia Polieri (2’10″69). Per l’allieva di Stefano Morini un nuovo titolo, dopo quelli dei 200-400 misti, senza pass iridato (tempo limite: 2’07″9). Stessa storia, stesso mare nei 200 rana uomini: Luca Pizzini ha centrato il risultato pieno in 2’10″17 davanti ad Edoardo Giorgetti (2’10″79) e al giovane Alessandro Fusco (2’13″75). In questo caso il crono richiesto era 2’09″0.

Nei 50 stile libero donne ha sorpreso tutti Nicoletta Ruberti (25″17) che ha prevalso nei confronti di Silvia Di Pietro (25″31) e di Lucrezia Raco (25″37). Riscontri lontani dall’eccellenza in questo caso. Il quadro delle gare individuali si è completato con i 200 stile libero uomini nei quali Filippo Megli (1’46″56) ha battuto nel derby toscano Gabriele Detti (1’47″02), guadagnandosi la qualificazione iridata. Sul terzo gradino del podio Stefano Ballo (1’48″05) a precedere di pochi centesimi Matteo Ciampi (1’48″17). Un campo gara molto compatto con tutti i finalisti al di sotto dell’1’49”. Nella staffetta femminile 4×200 sl vittoria delle Fiamme Oro (8’02″19) a precedere l’Aniene (8’04″53) e i Carabinieri (8’07″52). Da sottolineare il tempo di 1’55″43 di Federica Pellegrini in terza frazione (lanciata).

giandomenico.tiseo@oasport.it

0
0