Getty Images

Andrea Di Nino e Chad Le Clos terminano la loro collaborazione

Andrea Di Nino e Chad Le Clos terminano la loro collaborazione
Di Eurosport

Il 03/04/2019 alle 22:19Aggiornato Il 03/04/2019 alle 22:34

dopo 26 mesi di successi sportivi, i nuovi impegni di Andrea Di Nino come Managing Director della ISL per la nascita della prima edizione e la volontà di Chad Le Clos di allenarsi stabilmente in Turchia sfociano nella comune decisione di terminare la cooperazione tecnica.

ISL ha scelto Andrea Di Nino, head coach italiano di nuoto e direttore tecnico di A.D.N. Swim Project, per attivare un nuovo circuito di gare internazionali con il pieno sostegno dei migliori atleti su scala mondiale. Sarà la “Champions League” del nuoto, ovvero la International Swimming League, e Andrea di Nino non è solo un allenatore ma anche un manager di risorse umane, fondatore del primo programma europeo per nuotatori internazionali.

Dall’inizio del 2017, l’head coach romano allena un mito del nuoto moderno come Chad Le Clos, campione olimpico di Londra 2012 e plurimedagliato a Rio 2016, instaurando con l’atleta sudafricano un rapporto effettivo e vincente dai Mondiali di Budapest 2017 (oro 200 delfino) alla rassegna iridata di Hangzhou 2018 (oro 100 delfino) con altri tre titoli ai Giochi del Commonwealth.

Oggi, dopo 26 mesi di successi sportivi, i nuovi impegni di Andrea Di Nino come Managing Director della ISL per la nascita della prima edizione e la volontà di Chad Le Clos di allenarsi stabilmente in Turchia sfociano nella comune decisione di terminare la cooperazione tecnica. Cambiano certi obiettivi professionali ma non la stima che Di Nino prova per il suo campione:

" «Allenare Chad è stato bello e stimolante. Insieme abbiamo raggiunto grandi traguardi e sono certo che Chad continuerà a vincere anche nel prossimo futuro. Lo seguirò da primo tifoso mentre mi aspettano mesi intensi di nuove sfide, volte ad accrescere la mia professionalità oltre il bordo vasca». "

Chad Le Clos ricambia l’affetto per il suo coach, garantendo che con Di Nino non è un addio ma un arrivederci: «Sono stato molto bene con Andrea e in quasi tre anni mi ha insegnato molto. Siamo diventati buoni amici e per questo gli auguro un gran futuro di successi all’ISL, dove lavoreremo ancora insieme per la squadra Energy Standard».

0
0