LaPresse

Pellegrini: "La mia erede nei 200 sl? Nel mondo forse Ledecky, in Italia non è ancora nata"

Pellegrini: "La mia erede nei 200 sl? Nel mondo forse Ledecky, in Italia non è ancora nata"

Il 17/04/2019 alle 15:06

Dal nostro partner OAsport.it

Federica Pellegrini punta dritto verso le Olimpiadi di Tokyo 2020. La campionessa di Spinea, dopo aver dato ottimi segnali ai Campionati italiani di nuoto a Riccione, è tornata ad allenarsi a Livigno per preparare i prossimi appuntamenti stagionali e in particolare i Mondiali di Gwangju (Corea del Sud) di fine luglio, in cui parteciperà alla sua nona rassegna iridata. L’obiettivo numero uno della “Divina” resta però la qualificazione a Tokyo 2020, che potrebbe rappresentare anche l’ultimo grande palcoscenico della carriera.

In un’intervista rilasciata alla trasmissione radiofonica Circo Massimo, su Radio Capital, la Pellegrini ha fatto il punto sulla stagione e sugli obiettivi futuri. Di seguito le sue parole riportate dall’ANSA:

" Ora sono nel pieno degli allenamenti, a Livigno: mattina in acqua e pomeriggio in palestra o ancora in acqua. A maggio ci saranno tantissimi meeting italiani, poi a fine giugno il Settecolli di Roma e da lì a tre settimane si parte per i mondiali in Corea. Dopo l’oro iridato di Budapest sentivo di aver concluso tutti i miei alti obiettivi, ma ho deciso comunque di andare avanti per cercare la qualifica alla quinta Olimpiade. "

Infine alla domanda se al momento ci sia un’atleta in grado di diventare la sua erede risponde così:

" A livello internazionale lo è stata forse la Ledecky, ma lei non è propriamente una duecentista. A livello italiano nei 200 un’altra Federica non è ancora nata "

alessandro.farina@oasport.it

0
0