Getty Images

Perugia e Trento favorite per lo Scudetto, Modena e Civitanova rischiano: la guida ai playoff

Perugia e Trento favorite per lo Scudetto, Modena e Civitanova rischiano: la guida ai playoff

Il 25/03/2019 alle 17:09Aggiornato Il 25/03/2019 alle 17:11

Dal nostro partner OAsport.it

La Superlega entra nel vivo con l’inizio dei playoff: le migliori 8 squadre sono pronte ad affrontarsi per andare a caccia del trofeo. Chi vincerà la stagione 2018-2019?

Perugia assoluta favorita per il titolo

Perugia si presenta per difendere il titolo conquistato lo scorso anno, e i Campioni d’Italia partono con tutti i favori del pronostico nella sfida contro Monza. Il match tra prima e ottava della Regular Season è sempre il più scontato (almeno sulla carta), ma i Block Devils non potranno permettersi di sottovalutare l’impegno contro i brianzoli. I ragazzi di Fabio Soli hanno dimostrato di poter tenere testa alle grandi e saranno sicuramente un osso duro anche perché potranno contare sul calendario intensissimo degli umbri, chiamati alla doppia semifinale di Champions League contro lo Zenit Kazan. Perugia è infarcita di fenomeni come il fuoriclasse Wilfredo León, il bomber Aleksandar Atanasijevic, il solido Filippo Lanza, il regista Luciano De Cecco e il centrale Marko Podrascanin, ma la piccola Monza di Dzavoronok, Plotnitskyi e capitan Beretta proverà a tenere botta.

Anche Trento ha le sue chance, nonostante le premesse di inizio stagione

Trento non era così accreditata alla vigilia della stagione, ma giornata dopo giornata si è dimostrata molto solida e il 2° posto in Regular Season non è una sorpresa. I Campioni del Mondo in carica sono attesi dall’impegno contro Padova che non va mai sottovalutata: è vero che i dolomitici sono più forti sulla carta, ma la Kioene è sempre molto ostica da affrontare soprattutto in casa e bisognerà prestare la massima attenzione. La regia di Simone Giannelli, le fiondate del ritrovato opposto Luca Vettori, la qualità dei martelli Uros Kovacevic e Aaron Russell, i centrali Davide Candellaro e Srecko Lisinac (ritornerà presto al top) oltre al libero Jenia Grebennikov sono dei punti di forza importanti per la formazione di Angelo Lorenzetti che insegue un tricolore insperato.

Il tabellone

  • Sir Safety Conad Perugia-Vero Volley Monza (gara 1 31/03, gara 2 7/04, gara 3 da definire)
  • Azimut Leo Shoes Modena-Revivre Axopower Milano (gara 1 30/03, gara 2 6/04, gara 3 da definire)
  • Itas Trentino-Kioene Padova (gara 1 31/03, gara 2 7/04, gara 3 da definire)
  • Cucine Lube Civitanova-Calzedonia Verona (gara 1 31/03, gara 2 7/04, gara 3 da definire)

Civitanova rischia contro Verona

Civitanova ha perso tutte le finali che ha giocato nell’ultimo anno e mezzo, ormai la Lube è entrata in un tunnel e vuole uscirne al più presto. I cucinieri, terzi in campionato, se la dovranno vedere con la temibile Verona: è l’avversario peggiore che potesse capitare agli uomini di Fefé De Giorgi che dovranno sudare davvero molto contro gli scaligeri se vorranno proseguire la rincorsa verso lo Scudetto. La corazzata formata da Osmany Juantorena, Bruninho, Sokolov, Leal e Simon non può però sbagliare contro la Calzedonia dell’infinito Kaziyski e del buon opposto Boyer: assisteremo a un confronto pirotecnico.

Modena vs Milano, un quarto equilibrato

Il quarto di finale più equilibrato è quello tra Modena e Milano, 4a e 5a della classe. I Canarini sono reduci da una pessima regular season, non hanno vinto nemmeno un big match e sono stati eliminati prematuramente dalla Champions, mentre i meneghini hanno vinto 11 partite sulle 13 disputate. Il precedente al Forum di Assago ha poi premiato i ragazzi di Andrea Giani che cercheranno lo sgambetto per spingersi dove non sono mai arrivati: basteranno Trevor Clevenot, Nimir Abdel-Aziz e Klemen Cebulj? Il tridente offensivo, manovrato dal buon Sbertoli, è in grado di insidiare gli emiliani e i ragazzi di Julio Velasco sono andati in crisi più volte, vedremo se Ivan Zaytsev e compagni sapranno risvegliarsi quando conta davvero.

Video - Le regole base della pallavolo: dai tre tocchi alla maglia del libero, passando per la linea dei 3 m

02:45
0
0