Getty Images

Perugia passa a Modena e consolida il primato ma Civitanova e Trento tengono il passo

Perugia passa a Modena e consolida il primato ma Civitanova e Trento tengono il passo

Il 03/02/2019 alle 20:00Aggiornato Il 03/02/2019 alle 22:50

Dal nostro partner OAsport.it

Perugia non si ferma più e sconfigge Modena per 3-1 (23-25; 25-18; 25-20; 25-21) nel big match della 20^ giornata di SuperLega, il massimo campionato italiano di volley maschile. I Campioni d’Italia hanno espugnato il PalaPanini dopo 119 minuti di battaglia e si sono confermati al comando della classifica con quattro punti di vantaggio su Trento che più tardi affronterà il fanalino di coda Castellana Grotte. I Canarini crollano di fronte al proprio pubblico e incappano in una nuova battuta d’arresto dopo quella contro lo Zaksa in Champions League, i ragazzi di Julio Velasco si trovano in quarta posizione a nove lunghezze di distacco dagli umbri e ormai fuori dalla lotta per il piazzamento di vertice al termine della regular season.

Gli uomini di Lorenzo Benardi hanno dimostrato tutta la loro forza e hanno ampiamente meritato il successo mentre i padroni di casa si sono sciolti come neve al sole, palesando grandi difficoltà in ogni fondamentale e facendo capire che ci sono delle criticità nello spogliatoio che non sarà facile risolvere. Perugia ha perso il primo set, poi ha alzato il ritmo forzando in attacco e al servizio mettendo in ginocchio i gialloblù che piano piano sono usciti dall’incontro fino al micidiale turno in battuta di Leon che ha risolto la contesa nel finale del quarto set. I Block Devils ringraziano l’opposto Aleksandar Atanasijevic (27 punti, 5 aces) e la grande stella Wilfredo Leon (19 punti, 2 aces), doppia cifra anche per il martello Filippo Lanza (10, 3 aces), bella regia di Luciano De Cecco, ottimi i centrali Marko Podrascanin e Fabio Ricci oltre al libero Massimo Colaci.

Modena ha provato a restare a galla con gli schiacciatori Tine Urnaut (14) e Bartosz Berdnorz (11), ha faticato a brillare Ivan Zaytsev (10) sostituito in alcuni frangenti da Giulio Pinali, il palleggiatore Micah Christenson è sempre sotto esame ed è criticato dalla piazza. Perugia festeggia, Modena ora deve analizzare e capire: sabato prossimo i due sestetti si affronteranno nuovamente nella semifinale di Coppa Italia.

Nessuna distrazione per la Itas Trentino e la Lube Civitanova che, nell’ultimo segmento di gare di una spezzettata ventesima, rispettano il pronostico della vigilia e sbrigano in tre set i rispettivi impegni, riavvicinando la capolista Sir Safety Perugia che aveva preso il largo nel primo pomeriggio sbancando Modena nel big match di giornata. Vittoria tutt’altro che scontata per la Lube Civitanova che, sul campo duna Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, a caccia di fondamentali punti salvezza e in un Palasport di Veroli pieno di entusiasmo, si impone con un secco 3-0 (25-20, 25-21, 25-22) riuscendo ad ovviare alle assenze pesanti di Juantorena e Stankovic, acciaccati. Sono Leal e Sokolov a trascinare i marchigiani anche se il top scorer del match è stato l’opposto di casa Petkovic.

Tutto facile per l’itas Trentino contro la Bcc Castellana Grotte, sempre più vicina all’addio alla Superlega. La seconda forza del campionato si impone 3-0 (25-18, 25-17, 25-20) al termine di un match a senso unico, grazie ai 16 punti di Kovacevic e ai 15 di Russell. E’ crisi nera per Monza che subisce la quarta sconfitta consecutiva in una delle sfide più attese della stagione, il derby casalingo con la Revivre Axopower Milano che prosegue la sua marcia al quinto posto in classifica e addirittura, con Modena ferma al palo, avvicina sensibilmente la quarta piazza. I milanesi, sospinti da Maar e Abdel Aziz, si impongono con un netto 3-0 (25-16, 25-21, 25-19) al termine di un incontro dominato.

Passo avanti importantissimo in chiave salvezza per il Top Volley Latina che sbanca Vibo Valentia al termine di una vera e propria battaglia e si allontana dalla zona calda della classifica, lasciando in difficoltà i calabresi. Il Top Volley vince 3-1 (25-20, 25-21, 20-25, 26-24) sul terreno della Calabria Tonno Callipo grazie ai 19 punti di Stern, mentre ai padroni di casa non bastano i 27 punti di Al Hachdadi.

Video - Zaytsev, i tre mitici ace contro gli USA a Rio 2016: rimonta pazzesca verso la finale!

01:56
0
0