From Official Website

Verso la semifinale Italia-Cina: Club Italia, il segreto dei successi delle azzurre di Mazzanti

Club Italia, il segreto della Nazionale di Mazzanti che sfida la Cina a caccia di una storica finale

Il 18/10/2018 alle 22:58Aggiornato Il 19/10/2018 alle 07:49

Le azzurre guidate da coach Mazzanti si giocheranno la possibilità di accedere alla finalissima mondiale. Molte di loro sono cresciute nel Club Italia, selezione delle migliori giovani italiane che ormai si confronta abitualmente con i club professionistici più importanti nel panorama tricolore.

Nei giorni in cui il futuro presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Gabriele Gravina si interroga sulla possibilità di istitutuire in pianta stabile il Club Italia coinvolgendo dirigenti di spicco nel progetto, la Nazionale di volley guidata da Davide Mazzanti si gode i frutti di un disegno partito da lontano e coltivato con intelligenza mista a lungimiranza nel corso degli anni. Sì, perché esiste già un Club Italia virtuoso e che senza dubbio può costituire un modello per altri sport alla ricerca di una efficace (rio)organizzazione.

L'intuizione di Julio Velasco

In realtà anche il Club Italia nacque dall’osservazione di altri modelli, quelli dei giganti della pallavolo femminile degli anni 90 quali Cina, Cuba e Stati Uniti. Fu Julio Velasco nel 1998 a esclamare per primo “Eureka!”: l’allora allenatore della Nazionale femminile per primo concepì l’idea di dar vita a una squadra di club della Federazione, costituita dalle giovani italiane più promettenti, che si potesse confrontare con le squadre di club professionistiche. Il motivo? Permettere loro di allenarsi e vivere in un ambiente sano senza lo stress legato alle competizioni che una società d’alto livello deve abitualmente affrontare e al contempo accumulare l’esperienza necessaria per essere da subito protagoniste una volta sbarcate in un grande club. I risultati furono da subito incoraggianti: dal Club Italia partì infatti la traiettoria di campionesse del calibro di Elisa Togut, Eleonora Lo Bianco, e Simona Rinieri, non a caso campionesse mondiali nel 2002 sotto l’egida di coach Bonitta.

La giornata tipo del Club Italia

  • Ore 7: Sveglia
  • Ore 7.20/7.30: Partenza per la scuola
  • Ore 13/14: Rientro da scuola
  • A seguire: Pranzo, non necessariamente tutti insieme, a seconda delle singole esigenze
  • Primo pomeriggio: allenamento
  • A seguire: studio e snack
  • Sera: Cena di gruppo
  • Dopo cena (all’occorrenza): riunione tecnica e studio

Da 14 a 21 anni: giovanissime all'esame Serie A

Dapprima situato a Ravenna, poi a Roma, il quartier generale del Club Italia dal 2011 è il Centro Sportivo Pavesi a Milano, struttura collegiale nella quale le ragazze guidata da coach Massimo Bellano vivono e si allenano per preparare le partite di Serie A femminile (eccezion fatta per la scorsa stagione, Club Italia sempre nel massimo campionato dal 2015). Tra dieci giorni esatti parte la Regular Season e per il "Club Italia Crai" c'è già il derby con il "Saugella Team Monza". Ma qual è la giornata tipo delle ragazze? Al mattino vanno a scuola (rigorosamente in tram) come tutte le loro coetaneee, di pomeriggio si allenano seguendo programmi mirati: il gruppo di tecnici della Federazione segue da vicino la loro crescita e le sprona costantemente a dare il meglio. La media età del Club Italia è di 18 anni e mezzo: si va da Alice Trampus (classe 2004) a Chiara De Bortoli (classe 1997): del gruppo fanno parte anche le azzurre Elena Pietrini, Sylvia Chinelo Nwakalor, Sarah Luisa Fahr e Marina Lubian, che dopo la fortunata esperienza in terra giapponese torneranno nei ranghi.

Italia-Thailandia - Volley 2018 (Federvolley)

Italia-Thailandia - Volley 2018 (Federvolley)From Official Website

Le 9 giocatrici cresciute nel Club Italia nella Nazionale Italiana

  • Serena Ortolani (2002-2004)
  • Cristina Chirichella (2010-2012)
  • Paola Egonu (2013-2017)
  • Ofelia Malinov (2014-2016)
  • Anna Danesi (2014-2016)
  • Elena Pietrini (2017 ad oggi)
  • Sylvia Chinelo Nwakalor (2017 ad oggi)
  • Sarah Luisa Fahr (2017 ad oggi)
  • Marina Lubian (2016 ad oggi)

Alcune delle giocatrici più rappresentative della Nazionale che domani mattina dalle 09:10 affronterà le campionesse olimpiche della Cina nella semifinale del Mondiale giapponese sono cresciute nel Club Italia: la miglior realizzatrice del Mondiale Paola Egonu, la palleggiatrice Ofelia Malinov, la “muratrice” Anna Danesi, il capitano Cristina Chirichella e Serena Ortolani (veterana del gruppo azzurro e moglie dell’allenatore Davide Mazzanti). Ora restano due scogli per eguagliare l'impresa delle ragazze del 2002: il minimo comune denominatore è lo stesso, la fucina di talenti e palestra di vita del Club Italia.

Video - La Russia batte l'Italia e vince l'oro nel beach volley: gli highlights

01:39
0
0