LaPresse

Italia, che carattere! Battuta l'Argentina in quattro set e 3 su 3 al Mondiale

Italia, che carattere! Battuta l'Argentina in quattro set e 3 su 3 al Mondiale

Il 15/09/2018 alle 23:31Aggiornato Il 15/09/2018 alle 23:46

Primo set regalato all'Argentina, ma arriva la grande reazione nel secondo parziale grazie al carattere di Zaytsev, Juantorena e Giannelli. Si gioca punto a punto negli altri set, ma l'Italia è sempre lucida nei momenti clou. Dopo Giappone e Belgio, altro successo per la squadra di Blengini.

Serviva la vittoria e vittoria è stata. La squadra di Blengini trova il terzo successo consecutivo in questo Mondiale, con l’Argentina di Julio Velasco che finisce ko in quattro set (22-25; 25-15; 25-23; 28-26). Non è stata una passeggiata, come era prevedibile, ma nel primo set un po’ di imprecisione ha lasciato campo libero all’Albiceleste. È arrivata la reazione nel secondo set, decisivo, per portare gli azzurri a cambiare il loro gioco ed essere più incisivi. Negli altri set c’è stato un po’ di nervovismo, anche a causa di alcune scelte arbitrali discutibili, ma poi è venuto fuori il carattere, con l’Italia precisa nei momenti clou della partita.

Cronaca

Primo set giocato punto a punto, con l’Argentina che è riuscita però a schiacciare gli azzurri grazie ad un grande servizio. L’Italia non riesce, invece, a spingere in attacco, anche a causa delle grandi difese degli avversari. Male nelle prime battute Zaytsev e Juantorena, con il solo Lanza a scaldare i cuori del Nelson Mandela Forum di Firenze. Facundo Conte e Ramos chiudono il primo set con il 25-22 per l’Argentina.

Grande reazione degli azzurri nel secondo set, anche se in avvio c’è ancora un po’ di imprecisione. Un parziale di 4-0 condotto da Zaytsev, Juantorena e doppio Giannelli riporta entusiasmo alla squadra di Blengini. Da lì parte la fuga dell’Italia, sfruttando anche gli errori al servizio dell’Albiceleste che lascia scappare il secondo set: il risultato è un impietoso 25-15.

Anche nel terzo set l’Italia fa buon gioco, nonostante qualche attimo di apprensione tra muri non riusciti e il nervosismo per qualche chiamata arbitrale discussa dagli azzurri. Lima e Poglajen pungono, ma l’Italia riesce comunque ad essere lucida nei momenti clou, con un primo tempo di Mazzone che vale il 25-23.

Ivan Zaytsev - Italia-Argentina - Mondiali FIVB 2018 - LaPresse

Ivan Zaytsev - Italia-Argentina - Mondiali FIVB 2018 - LaPresseLaPresse

Nel quarto e ultimo parziale, l’Italia parte benissimo andando subito in fuga con un 11-3 che sembra il preludio al tris in questo Mondiale. L’Argentina però non molla e rimonta piano piano fino al 14-9. C’è ancora un po’ di distanza e Juantorena è bravo a ricacciare via la squadra di Velasco a -8. La partita, comunque, non è finita e l’Argentina si riporta sotto sul 21-18. Anzani cerca il break, ci prova anche Lanza ma viene murato con l’Albiceleste che torna a -1. La squadra di Velasco è brava a resistere e si porta addirittura avanti sul 23-24 anche se Zaytsev si fa subito sentire annullando il set point avversario. Altro set point annullato, poi è la coppia Zanotti-Mazzone a regalare il primo set point azzurro. Zaytsev trova un altro punto decisivo, poi è l’ace liftato di Baranowicz a far gioire l’Italia che conquista il terzo successo consecutivo nel Mondiale.

Video - Andrea Giani, il fenomeno 'universale' della pallavolo italiana

01:36
0
0