Getty Images

Mondiali Giappone 2019: programma, calendario dell'Italia, Dirette tv e live-streaming

Mondiali Giappone 2019: programma, calendario dell'Italia, Dirette tv e live-streaming

Il 12/10/2019 alle 10:00Aggiornato Il 12/10/2019 alle 10:43

l 20 settembre scatterà la 9a edizione del Mondiale di Rugby che andrà in scena in Giappone. L'Italia farà il suo debutto il 22 contro la Namibia, poi affronterà Canada, Sudafrica e Nuova Zelanda con l'obiettivo del 3° posto e la qualificazione al Mondiale del 2023. Eurosport vi offrirà la DIRETTA scritta delle gare dell'Italia, delle semifinali e delle finali sul proprio sito web.

Il 20 settembre 2019 comincerà ufficialmente la 9a edizione dei Mondiali di Rugby che si disputeranno in Giappone. La partita inaugurale sarà quella tra Giappone e Russia, mentre l'Italia (inserita nel gruppo B) debutterà il 22 settembre contro la Namibia all'Hanazono Rugby Stadium di Higashiosaka.

Il calendario dell'Italia nella fase a gironi

  • sabato 12 ottobre Nuova Zelanda-ITALIA 0-0 (gara annullata per annunciato tifone) | REPORT | DICHIARAZIONI |

Video - Highlights: Italia-Nuova Zelanda 3-66, brutta batosta contro gli All Blacks

02:44

Il girone dell'Italia

Prima giornata: Italia-Namibia 47-22

Bisognava vincere con almeno 4 mete realizzate e l’Italia ha conquistato il suo primo obiettivo del Mondiale anche se non ha convinto al 100%. Un approccio da incubo e qualche difficoltà nel costruire il gioco hanno lanciato un campanello d’allarme per Conor O’Shea e il suo staff, soprattutto per l’atteggiamento visto in campo. Con qualche fiammata gli azzurri sono entrati in partita, ma non hanno mai affondato il colpo nonostante le 7 mete prodotte. Bene Ruzza, Morisi, Benvenuti e Bellini, ottimo l’approccio alla gara di Polledri che meriterebbe una maglia da titolare. Ora un po’ di riposo perché servirà fare 5 punti anche contro il Canada, prima delle montagne insormontabili che rispondono al nome di Sudafrica e Nuova Zelanda.

Polledri - Italia-Namibia - 2019 Rugby World Cup - Getty Images

Polledri - Italia-Namibia - 2019 Rugby World Cup - Getty ImagesGetty Images

Seconda giornata: Italia-Canada 48-7

E finalmente si è vista una bella Italia. Non era stato così contro la Namibia, nonostante le 7 mete realizzate, e questa volta si sono ammirati approccio, mentalità e maggiore concretezza in fase offensiva. C’è ancora qualcosa da aggiustare in fase difensiva, in vista delle gare contro Sudafrica e Nuova Zelanda, ma gli azzurri hanno mostrato un altro volto in campo. O’Shea ha modificato qualcosa, con 10 cambi rispetto alla formazione base, ma hanno tutti convinto, a partire dal triangolo Polledri-Negri-Minozzi che dovrebbe partire sempre titolare. Con questa vittoria, e il relativo punto di bonus offensivo, gli azzurri volano a quota 10 punti e restano in testa al proprio girone anche dopo la seconda giornata. Risultato importantissimo per avvicinarsi alla qualificazione per i prossimi Mondiali (servirà il 3° posto). Diciamo che l’Italia ha fatto il suo, in attesa di sfidare i colossi, a partire dalla gara contro gli Springboks di venerdì 4/10 (alle 11:45 ore italiane).

Steyn - Italia-Canada - 2019 Rugby World Championship - Getty Images

Steyn - Italia-Canada - 2019 Rugby World Championship - Getty ImagesGetty Images

Terza giornata: Sudafrica-Italia 49-3

Italia, l’impresa non arriva. Serviva battere il Sudafrica per centrare una storica - quanto insperata - qualificazione ai quarti di finale, ma la mission diventa subito impossibile quando gli azzurri perdono in pochi minuti Ferrari e Riccioni per infortunio. La prima linea diventa vulnerabile e gli Springboks vanno subito in meta con uno scatenato Kolbe. C’è comunque partita, con l’Italia che va a punti con Allan e che spreca, cercando solo e sempre la touche per andare in meta senza portare a casa ‘un po’ di macinato’ con i diversi calci di punizione conquistati. Nel secondo tempo il definitivo addio ad ogni sogno, con il rosso comminato a Lovotti che rovescia, a gioco fermo, Vermeulen in collaborazione di Quaglio. Wayne Barnes rivede il tutto al TMO e lascia così gli azzurri in 14 per tutta la ripresa. Da quel momento è un gioco al massacro con il Sudafrica che va in meta con una certa facilità. Finisce, in pratica, anche il Mondiale dell’Italia: il 3° posto è cosa fatta, ma per andare ai quarti servirebbe battere la Nuova Zelanda...

Parisse, Campagnaro - Sudafrica-Italia - 2019 World Cup Rugby Japan - Getty Images

Parisse, Campagnaro - Sudafrica-Italia - 2019 World Cup Rugby Japan - Getty ImagesGetty Images

Quarta giornata: Nuova Zelanda-Italia 0-0, gara non disputata

Per motivi di sicurezza gli organizzatori della Coppa del Mondo hanno deciso di annullare le due partite Italia-Nuova Zelanda e Inghilterra-Francia in programma sabato a Toyota City e Yokohama. Le 4 squadre riceveranno due punti, gli azzurri in virtù di questo risultato chiudono quindi al 3° posto la loro rassegna iridata con 12 punti, alle spalle di Nuova Zelanda (16) e Sudafrica (15), che si qualificano invece ai quarti di finale. Per gli azzurri si tratta in maniera un po’ paradossale del miglior risultato in una Coppa del Mondo, anche se resta - appunto - il paradosso per i due punti a tavolino e l’amaro in bocca per non aver potuto sfidare gli All Blacks. Ricordiamo che l’Italia, per volare per la prima volta ai quarti di finale avrebbe dovuto sconfiggere la Nuova Zelanda col punto di bonus. Un risultato praticamente impossibile.

La classifica: Nuova Zelanda* 16 puni, Sudafrica* 15, Italia** 12, Namibia e Canada 0.
*Qualificate ai quarti di finale
**Eliminata ma qualificati ai Mondiali 2023

Le gare dei Mondiali in chiaro su Rai Sport

Rai Sport trasmetterà in totale 17 partite del Mondiale di Rugby in Giappone. Oltre alle quattro gare dell'Italia nella fase a gironi, la Rai manderà in onda altre 5 partite dei gruppi: Giappone-Russia, Nuova Zelanda-Sudafrica, Australia-Galles (in differita), Inghilterra-Argentina e Inghilterra-Francia. A seguire verranno trasmessi anche i quarti di finale, le semifinali e le finali. Tutte le partite andranno in diretta su Rai Sport+HD (Canale 227 di Sky), mentre le gare dell'Italia andranno in onda su Rai 2.

Video - Inghilterra-Italia 2017: quando Vittorio Munari spiegò il fuorigioco ai tifosi inglesi

00:38

Le gare in Live-Streaming

Le gare dei Mondiali saranno disponibili anche in Live-Streaming su Rai Play per la visione su pc, smartphone e tablet. Eurosport vi offrirà la DIRETTA scritta delle gare dell'Italia, delle semifinali e delle finali sul proprio sito web.

Video - Cosa significa l'Haka degli All Blacks? Eccola con il testo tradotto

00:48

I convocati del ct Conor O'Shea

Piloni

  • Simone FERRARI (Benetton, 23 caps)
  • Andrea LOVOTTI (Zebre, 36 caps)
  • Tiziano PASQUALI (Benetton, 19 caps)
  • Nicola QUAGLIO (Benetton, 10 caps)
  • Marco RICCIONI (Benetton, 2 caps)
  • Federico ZANI (Benetton, 8 caps)

Tallonatori

  • Luca BIGI (Zebre, 20 caps)
  • Oliviero FABIANI (Zebre, 8 caps)
  • Leonardo GHIRALDINI (Svincolato, 104 caps)

Seconde Linee

  • Dean BUDD (Benetton, 21 caps)
  • Federico RUZZA (Benetton, 13 caps)
  • David SISI (Zebre, 6 caps)
  • Alessandro ZANNI (Benetton, 113 caps)

Flanker/n.8

  • Maxime MBANDÀ (Zebre, 17 caps)
  • Sebastian NEGRI (Benetton, 18 caps)
  • Sergio PARISSE (RC Toulonnais, 139 caps)
  • Jake POLLEDRI (Gloucester, 9 caps)
  • Abraham STEYN (Benetton, 31 caps)

Mediani di mischia

  • Callum BRALEY (Gloucester, 2 caps)
  • Guglielmo PALAZZANI (Zebre, 32 caps)
  • Tito TEBALDI (Benetton, 33 caps)

Mediani di Apertura

  • Tommaso ALLAN (Benetton, 49 caps)
  • Carlo CANNA (Zebre, 34 caps)

Centri

  • Tommaso BENVENUTI (Benetton, 57 caps)
  • Michele CAMPAGNARO (Harlequin, 43 caps)
  • Luca MORISI (Benetton, 26 caps)

Ali/Estremi

  • Mattia BELLINI (Zebre, 18 caps)
  • Giulio BISEGNI (Zebre, 12 caps)
  • Jayden HAYWARD (Benetton, 18 caps)
  • Matteo MINOZZI (Wasps, 12 caps)
  • Edoardo PADOVANI (Zebre, 21 caps)

Video - Sports Explainer: i segreti del placcaggio, l'arma definitiva della difesa nel rugby

01:58

L'Italia nei test match pre Mondiali: 3 ko e una vittoria contro la Russia

L'Italia ha scelto di affrontare tre super squadre in vista dei Mondiali. La prima sfida di preparazione è stata quella contro l'Irlanda all'Aviva Stadium di Dublino, dove la squadra di Conor O'Shea ha perso 29-10: nel primo tempo erano arrivate comunque le mete di Mbandà e Canna. Poi le sconfitte di Parigi contro la Francia (47-19) e di Newcastle contro l'Inghilterra (37-0) con dei secondi tempo da incubo. C'è stata però la vittoria contro la Russia per 85-15 a San Benedetto del Tronto, che risulta essere il terzo successo con lo scarto maggiore nella storia della Nazionale.

Video - Botte da orbi in Carcassonne-Grenoble: Romain Manchia provoca, ma Uberti si becca il rosso

02:56
0
0