Getty Images

Sudafrica campione del mondo! Inghilterra ko 32-12 e Nuova Zelanda raggiunta nell'albo d'oro

Sudafrica campione del mondo! Inghilterra ko 32-12 e Nuova Zelanda raggiunta nell'albo d'oro

Il 02/11/2019 alle 11:56Aggiornato Il 02/11/2019 alle 14:09

L'Inghilterra aveva battuto la Nuova Zelanda in semifinale, ma non è stato sufficiente per tornare sul tetto del mondo. A vincere il titolo mondiale è il Sudafrica che supera gli inglesi per 32-12 con i calci di Pollard e le mete di Mapimpi e Kolbe. Raggiunta la Nuova Zelanda (3) nell'albo d'oro.

Era la favorita grazie al successo in semifinale contro gli All Blacks, dove erano stati perfetti, ma questa volta l’Inghilterra ha perso la magia ed è stata spazzata via da un Sudafrica perfetto. La squadra di Rassie Erasmus ha un grande avvio, atto ad intimorire gli inglesi, e Pollard con i suoi calci trova il primo allungo prima dell’intervallo. La Nazionale della Rosa ha reagito, ma il Sudafrica si è difeso alla perfezione non concedendo la meta nei primi 40 minuti. Ci si attendeva qualcosa di più nella ripresa, ma ancora una volta l’Inghilterra non ha avuto quella cattiveria fatta vedere contro gli All Blacks. Tanta indisciplina, oltre a un Curry, un Underhill e un Itoje troppo sottotono per essere vero. Farrell prova a tenere le distanze, ma anche lui sbaglia un calcio decisivo al 55’, lasciando semaforo verde alla fuga del Sudafrica che va in meta con Mapimpi e Kolbe. Alla fine a vincere il Mondiale è la stata la squadra che veniva definita come la seconda forza del lotto presente in Giappone: dopo la Nuova Zelanda, c’era proprio il Sudafrica. Non sempre spettacolare, ma molto molto efficace, sempre pronta a sfruttare i punti deboli degli avversari. Sudafrica che è stato capace di rifondarsi, facendo partire un nuovo progetto con il ct Rassie Erasmus, arrivato nel 2016 dopo un ko degli Springboks contro l’Italia in un test match.

Cronaca

Subito un grande avvio per il Sudafrica che ha una chance con Pollard, ma il mediano d’apertura degli Springboks fallisce un calcio di punizione. Sinckler è costretto ad uscire per un colpo subito, lasciando il posto a Cole, sintomatico del grande avvio dei sudafricani che schiacciano l’Inghilterra nella propria metà campo. Al 9’ nuova chance per Pollard che non sbaglia da pochi metri. Dominio territoriale del Sudafrica, ma al 23’ arriva il pareggio di Farrell che sfrutta un calcio per il 3-3. Gli Springboks però si riportano in avanti e al 26’ c’è il calcio di Pollard a ritrovare il vantaggio. L’Inghilterra si sveglia e va vicinissima alla meta, ma la difesa del Sudafrica respinge ad oltranza, ricacciando tutto e tutti a pochi cm della linea della meta, con la squadra di Eddie Jones che si accontenta del pareggio con il calcio di Farrell. Il Sudafrica può respirare e sfrutta l’indisciplina degli inglesi per piazzare altri due calci con Pollard per il 12-6 all’intervallo.

Underhill - England-South Africa - 2019 Rugby World Cup - Getty Images

Underhill - England-South Africa - 2019 Rugby World Cup - Getty ImagesGetty Images

Nella ripresa il copione non cambia: Inghilterra troppo indisciplinata e Pollard dalla piazzola porta il Sudafrica avanti oltre il break per il 6-15. Eddie Jones è costretto ad operare qualche cambio per ravvivare la sua squadra, intanto Farrell trova tre punti su calcio. Tenuto a terra di Pollard che regala un’altra punizione per Farrell, ma il numero 12 inglese non trova i pali nel momento clou del match. Si battaglia sempre sui calci: prima Pollard, poi Farrell. Al 66’ arriva la meta di Mapimpi che con un calcio scavalca la difesa inglese, poi Am restituisce l’ovale a Mapimpi che schiaccia a terra. L’Inghilterra non riesce più a reagire e al 74’ arriva anche la meta di Kolbe che chiude definitivamente il match. Pollard trasforma per il 32-12 e gli Springboks tornano sul tetto del mondo a 12 anni di distanza dall’ultima volta.

La premiazione

Le statistiche

3 - I titoli mondiali vinti dal Sudafrica (1995, 2007 e 2019) che raggiunge la Nuova Zelanda in testa all’albo d’oro (3).

12 - Gli anni dall’ultimo successo del Sudafrica nel Mondiale. Tra l’altro, nel 2007, gli Springboks avevano superato proprio l’Inghilterra. E il successo precedente? 12 anni prima, nel 1995, nel Mondiale di casa.

Pollard - England-South Africa - 2019 Rugby World Cup - Getty Images

Pollard - England-South Africa - 2019 Rugby World Cup - Getty ImagesGetty Images

Il Tweet

L'Inghilterra è andata vicinissima alla meta nel primo tempo, ma il Sudafrica ha respinto tutto e tutti...

Tabellino

Inghilterra-Sudafrica 12-32

INGHILTERRA: 15 Elliot DALY, 14 Anthony WATSON, 13 Manu TUILAGI, 12 Owen FARRELL, 11 Jonny MAY, 10 George FORD, 9 Ben YOUNGS, 8 Billy VUNIPOLA, 7 Sam UNDERHILL, 6 Tom CURRY, 5 Courtney LAWES, 4 Maro ITOJE, 3 Kyle SINCKLER, 2 Jamie GEORGE, 1 Mako VUNIPOLA. A disposizione: 16 Luke COWAN-DICKIE, 17 Joe MARLER, 18 Dan COLE, 19 George KRUIS, 20 Mark WILSON, 21 Ben SPENCER, 22 Henry SLADE, 23 Jonathan JOSEPH. Ct: Eddie Jones

SUDAFRICA: 15 Willie LE ROUX, 14 Cheslin KOLBE, 13 Lukhanyo AM, 12 Damian DE ALLENDE, 11 Makazole MAPIMPI, 10 Handré POLLARD, 9 Faf DE KLERK, 8 Duane VERMEULEN, 7 Thomas DU TOIT, 6 Siya KOLISI, 5 Lood DE JAGER, 4 Eben ETZEBETH, 3 Frans MALHERBE, 2 Bongi MBONAMBI, 1 Tendai MTAWARIRA. A disposizione: 16 Malcolm MARX, 17 Steven KITSHOFF, 18 Vincent KOCH, 19 RG SNYMAN, 20 Franco MOSTERT, 21 Francois LOUW, 22 Herschel JANTJIES, 23 François STEYN. Ct: Rassie Erasmus

I punti: 9’ calcio Pollard (S); 23’ calcio Farrell (I); 26’ calcio Pollard (S); 35’ calcio Farrell (I); 39’ calcio Pollard (S), 40+2 calcio Pollard (S), 46’ calcio Pollard (S); 52’ calcio Farrell (I); 58’ calcio Pollard (S); 59’ calcio Farrell (I); 66’ meta Mapimpi (S), tr Pollard (S), 74’ meta Kolbe (S), tr Pollard (S)

Arbitro: Jérôme Garcès (Francia)

***

Video - Quando l'Italia fece l'impresa col Sudafrica: 20-18 nel 2016

02:22
0
0