Getty Images

Israel Folau licenziato dalla Federazione australiana per un tweet omofobo

Israel Folau licenziato dalla Federazione australiana per un tweet omofobo

Il 16/04/2019 alle 14:16Aggiornato Il 16/04/2019 alle 14:18

Dal nostro partner OAsport.it

Un bruttissimo episodio quello riguardante Israel Folau e tutta l’Australia del rugby. Uno dei giocatori di più talento dei Wallabies qualche giorno fa aveva riportato su Instagram e Twitter un post omofobo, nel quale indicava gli omosessuali (e non solo) come una categoria “attesa all’inferno”. La Federazione australiano ha subito preso provvedimenti: arrivato il licenziamento, 48 ore per accettare la decisione o ricorrere in appello. Queste le parole dell’amministratrice delegata della Federazione, Raelene Castle:

" Gli era stato chiarito che qualsiasi post sui social media, o commenti che siano in qualche modo irrispettosi verso le persone a causa della loro sessualità, si sarebbero tradotti in azioni disciplinari. Il contratto standard per tutti i giocatori australiani è mediato con la Players Association"

Il commento dell’allenatore dei Wallabies Michael Cheika come riportato dalla Gazzetta dello Sport:

" Avevamo avuto una discussione sul suo diritto di credere ciò che vuole e sul supporto che può avere dalla squadra. Ma uscirsene pubblicamente in maniera così irrispettosa non fa parte del nostro team. Quando si gioca con la maglia dei Wallabies si rappresentano tutti gli australiani, tutti. Ognuno lì fuori ci supporta, non lo scegliamo noi. Se lo selezionerò ancora? Per come stanno le cose, non potrò farlo"

gianluca.bruno@oasport.it

Video - Anche nel rugby possono volare botte da orbi; e quando la rissa sembrava finita...

01:38
0
0