Getty Images

L’Italia ci prova, ma l’Inghilterra va troppo forte: azzurri sconfitti 57-14 a Twickenham

L’Italia ci prova, ma l’Inghilterra va troppo forte: azzurri sconfitti 57-14 a Twickenham
Di Eurosport

Il 09/03/2019 alle 19:31Aggiornato Il 09/03/2019 alle 19:41

Gran prova di forza degli inglesi che raggiungono il punto di bonus già al 32’ e che mandano un messaggio di forza al Galles e alle altre big. Gli azzurri provano a opporre resistenza ma si devono accontentare di una meta di Tommaso Allan nel primo tempo e una di Luca Morisi nel secondo.

L’Italia paga salati gli errori che commette ed esce da Twickenham con la quarta sconfitta in quattro partite di Sei Nazioni 2019: 57-14, questa volta non ci sono trucchetti che tengano (ricordate il 2017?), troppo alto il gap con gli inglesi, che fanno del tonnellaggio e delle accelerazioni i loro punti forti, troppa la differenza di gestione dei momenti chiave del match. Gli inglesi vogliono tutto e subito e se lo prendono: al 32’ hanno già segnato 4 mete e raggiunto il punto di bonus, mentre l’Italia si può solo illudere con la meta di Allan e poco altro. Poi gli inglesi si limita a controllare la partita, concedendo solo un’altra meta agli azzurri (Morisi) e centrandone altre quattro. L’Inghilterra chiude il match con ciò che voleva - bonus e cinque punti - , l’Italia con l’ennesima sconfitta di una serie che comincia a diventare infinita. A meno che, nell'ultimo turno con la Francia a Roma...

...

Video - Gran guizzo di Tommaso Allan: meta dell'Italia a Twickenham

00:34

Cronaca

Twickenham ribolle: il Galles ha vinto in Scozia, l’Inghilterra vuole il bottino pieno. Subito un numero da circo di Cokanasiga e tanta pressione sulla difesa azzurra. All’8’ George rimette la palla in campo dalla touche ed è lui stesso a concludere oltre la linea di meta: Farrell realizza ed è già 7-0. Un bel guizzo di Allan però permette agli azzurri di non affondare e anzi rialzare la testa: il nostro numero 10 segna la meta e la trasforma. Immediata la replica dell’Inghilterra: May sfugge via sulla sinistra e segna la seconda meta e al 21’ Tuilagi buca per vie centrali. Un uno-due ferale per i nostri, che tengono bene il campo e il possesso ma che faticano a graffiare e nel frattempo perdono Campagnaro prima e Castello poi per infortunio. L’Inghilterra vuole chiudere la pratica e di fatto lo fa già al 32’: Tuilagi strappa, Shields segna in scioltezza la quarta meta, quella del punto di bonus.

Il primo tempo si chiude sul 31-7, con gli inglesi già contenti. Anche i primi punti del secondo tempo portano la firma degli inglesi: al 48’ George apre a tutto braccio per Tuilagi che va a segnare la meta n. 5. A questo punto O’Shea ruota un po’ di uomini per provare a cambiare il mood della partita: dentro Ghiraldini, Polledri, Sisi, Pasquali e Palazzani. L’Italia gioca, l’Inghilterra attende ed ecco la seconda meta azzurra: Luca Morisi mette la sua firma per la terza volta in carriera a Twickenham al 55’ e Allan trasforma. La partita ormai ha perso di ritmo, soprattutto a causa degli inglesi che non hanno più bisogno di spingere sull’acceleratore. Il pubblico però può ancora applaudire i propri giocatori che al 64’ trovano la sesta meta con Kruis e al 67’ la settima con Wilson. L'ultima, la più beffarda, porta la firma di Shields dopo l'intercetto su Tebaldi.

La statistica

68% - Il possesso di palla non sempre paga, come dimostra il match dell'Italia a Twickenham.

Il Tweet

Video - La seconda meta dell'Italia a Twickenham porta la firma di Luca Morisi

00:46

Tabellino Inghilterra-Italia

INGHILTERRA: 15 Elliot Daly, 14 Joe Cokanasiga, 13 Manu Tuilagi, 12 Ben Te’o, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell (c), 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Tom Curry, 6 Brad Shields, 5 George Kruis, 4 Joe Launchbury, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Ellis Genge. Riserve: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Ben Moon, 18 Dan Cole, 19 Nathan Hughes, 20 Mark Wilson, 21 Dan Robson, 22 George Ford, 23 Henry Slade

ITALIA: 15 Jayden Hayward, 14 Edoardo Padovani, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Angelo Esposito, 10 Tommaso Allan, 9 Tito Tebaldi, 8 Sergio Parisse (c), 7 Braam Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 Federico Ruzza, 3 Simone Ferrari, 2 Luca Bigi, 1 Andrea Lovotti. Riserve: 16 Leonardo Ghiraldini, 17 Cherif Traore, 18 Tiziano Pasquali, 19 David Sisi, 20 Jake Polledri, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Ian McKinley, 23 Tommaso Castello

Arbitro: Nic Berry (Australia)

I punti: 8’ George, tr Farrell (Ing); 12’ meta Allan, tr Allan (Ita); 15’ meta May, tr Farrell (Ing); 21’ Tuilagi tr Farrell (Ing), 25’ calcio Farrell (Ing); 32’ meta Shields, tr Farrell (Ing); 47’ meta Tuilagi, 54’ Meta Morisi, tr Allan (Ita); 64’ meta Kruis, tr Ford (Ing); 67’ meta Wilson, tr Ford (Ing), 78' Shields tr Gord (Ing)

Video - Inghilterra-Italia 2017: quando Vittorio Munari spiegò il fuorigioco ai tifosi inglesi

00:38
0
0