Eurosport

Grand Prix di Torino 2019, vincono Volpi e Imboden

Grand Prix di Torino 2019, vincono Volpi e Imboden

Il 10/02/2019 alle 22:40Aggiornato Il 10/02/2019 alle 22:41

Nel Grand Prix di fioretto di Torino, Alice Volpi guida un podio quasi tutto azzurro; Race Imboden è primo tra gli uomini.

Un Grand Prix di Torino che rimarrà nella memoria, soprattutto per il fioretto femminile. Nel maggior evento di scherma in programma nel nostro paese, le azzurre sono riuscite ad occupare tre dei quattro gradini del podio. Davanti a tutte una splendida Alice Volpi, che in finale è riuscita a battere Elisa Di Francisca per 15 a 9. Oltre al primo e secondo posto, l’Italia ha potuto festeggiare anche il terzo, bellissimo posto di Francesca Palumbo.

Classe 1994, nata proprio il 10 febbraio, la Palumbo ha saputo farsi un regalo perfetto: non solo aver conquistato il podio, ma anche aver battuto ai quarti di finale una fuoriclasse del fioretto mondiale, la russa Inna Deriglazova, tra l’altro con lo straordinario punteggio di 15 a 5. A salire sul terzo gradino del podio è stata anche la russa Anastasiia Ivanova, battuta in semifinale da Alice Volpi per 15 a 12, mentre il derby azzurro della semifinale è stato Palumbo – Di Francisca, ampiamente superato dalla jesina per 15 a 7. Tra le altre azzurre in gara, Camilla Mancini si è classificata al 7° posto, mentre Arianna Errigo si è fermata all’11°.

In campo maschile la vittoria è andata allo statunitense Race Imboden, che in finale si è scontrato con Cheung Ka Long di Hong Kong. La gara si è chiusa con un netto 15 a 6 per il numero 1 del mondo, che in semifinale era stato l’artefice dell’eliminazione di Alessio Foconi.

L’azzurro si è dovuto accontentare dell’argento: nonostante una lotta serrata fino all’ultima stoccata, Imboden ha avuto la meglio per 15 a 13. Nell’altra semifinale Cheung Ka Long ha sconfitto lo statunitense Gerek Meinhardt, battendolo per 15 a 12. Giorgio Avola e Andrea Cassarà si sono fermati rispettivamente all’ottavo e al nono posto, mentre Daniele Garrozzo si è classificato solo 18°.

0
0