Getty Images

Arriva lo spettacolo della “Birds of Prey” in un weekend lungo di velocità e tecnica

Arriva lo spettacolo della “Birds of Prey” in un weekend lungo di velocità e tecnica

Il 01/12/2017 alle 09:33

Dal nostro partner OAsport.it

Basta citare la “Birds of Prey” per presentare il lungo fine settimana della Coppa del Mondo maschile di sci alpino in quel di Beaver Creek. Una delle piste più spettacolari e difficili dell’intero “Circo Bianco” e che sarà il palcoscenico di un superG (oggi), di una discesa libera (domani) e di un gigante (domenica), quest’ultimo che si terrà nel tratto conclusivo del tracciato, chiamato Golden Eagle.

Nelle prove veloci Norvegia e Austria sono probabilmente le nazionali da battere, con l’Italia subito dietro a battagliare per il podio. Kjetil Jansrud in superG e Aksel Lund Svindal in discesa sono i grandi favoriti per la vittoria finale, senza dimentica Aleksander Aamodt Kilde. Come detto gli austriaci sono in grande forma e lo hanno dimostrato soprattutto nella seconda prova cronometrata di ieri, con Matthias Mayer al primo posto e altri tre connazionali tra i primi dieci della classifica, con Reichelt, Franz e Kriechmayr che saranno protagonisti anche in superG.

A Lake Louise in discesa ha trionfato il campione del Mondo Beat Feuz, che vuole replicare il successo anche in terra americana. Lo svizzero guida la pattuglia dei primi avversari di norvegesi ed austriaci ed in questo folto gruppo ci sono ovviamente anche gli azzurri, che ieri non hanno brillato, però, in prova. In Canada Fill, Paris ed Innerhofer hanno ottenuto dei buoni piazzamenti (quarto Fill in discesa il migliore), ma per colpa di qualche errore è mancato il guizzo vincente che li portasse sul podio. L’anno magico per l’Italia a Beaver Creek è stato il 2012, quando Christof Innerhofer vinse in discesa ed il giorno dopo in superG si impose Matteo Marsaglia, sono questi gli ultimi e anche gli unici successi azzurri nella velocità sulla pista americana.

Domenica spazio al gigante e il favorito è Marcel Hirscher (in crescita di condizione dopo l’infortunio estivo), che sulla “Birds of Prey” è riuscito a vincere anche in superG in una gara totalmente pazza e che vide al secondo posto Ted Ligety. Un podio che potrebbe tranquillamente ripetersi questa domenica in gigante, che è anche il primo della stagione, visto che quello d’esordio sul Rettenbach a Soelden è stato cancellato per le forti raffiche di vento.

Hirscher, Ligety, ma ovviamente anche Alexis Pinturault ed Henrik Kristoffersen. Un poker di favoriti che rende la gara ancora più avvincente ed emozionante. Non ci sarà purtroppo Felix Neureuther, che ha dovuto mettere la parola fine sulla propria stagione dopo la rottura del crociato in allenamento.

Capitolo Italia con gli azzurri reduci da una stagione altalenante e con pochi acuti. C’è sicuramente voglia di riscatto e di fare bene a partite da Luca De Aliprandini e Florian Eisath, probabilmente le migliori carte azzurre nel gigante di domenica. Manfed Moelgg è un altro possibile outsider che l’Italia può giocarsi e poi c’è quel Roberto Nani, che spera in questo 2018 di cancellare completamente gli ultimi anni di una carriera a cui è mancato il tanto atteso salto di qualità.

0
0