Getty Images

Rebensburg detta legge nella prima manche, tre italiane nelle prime otto

Rebensburg detta legge nella prima manche, tre italiane nelle prime otto
Di Eurosport

Il 14/02/2019 alle 15:04Aggiornato Il 14/02/2019 alle 17:11

Sofia Goggia, Federica Brignone e Marta Bassino sono rispettivamente sesta, settima e ottava nel gigante guidato dalla tedesca. I distacchi sono alti e al momento Shiffrin è quarta, quindi virtualmente fuori dal podio composto da Vlhova e Mowinckel. Appuntamento (salvo rinvii) alle 17:30 su Eurosport 1 ed Eurosport Player, manche spostata alle 18.

Viktoria Rebensburg è al comando della prima manche del gigante dei Mondiali di Are. La tedesca guida la prova accorciata col tempo di 1:00.91, ma ci sono tre italiane nelle prime 10, anzi nelle prime otto.

Sofia Goggia, Federica Brignone e Marta Bassino sono infatti sesta, settima e ottava in questa prova difficoltosa, staccate di 0.91, 0.95 e 1.55.

La partenza abbassata e le condizioni difficili

La gara è stata caratterizzata, come al solito, da problemi meteorologici. Nei giorni scorsi le temperature erano polari, mentre stavolta si è andati abbondantemente sopra lo zero, costringendo gli organizzatori a barrare e salare la neve per garantirne la tenuta. La costante è comunque il vento, che ha portato all'obbligo di abbassare la partenza. Nel frattempo ci sono stati anche problemi di luce, con l'ultimo sole della giornata che andava e veniva. E le prime hanno potuto approfittare delle condizioni migliori.

Video - Viktoria Rebensburg, miglior tempo nella prima manche del gigante Mondiale

00:48

Una classifica piuttosto lunga

Ad avere la meglio, quindi, è la tedesca Viktoria Rebensburg, che col pettorale numero tre si piazza davanti per non farsi puttare più giù dal trono del leader's corner. Faticano campionesse come Mikaela Shiffrin, che non trova un buon timing con il tracciato e chiude quarta parziale a 0.44, e Tessa Worley, che fa letteralmente i numeri per restare in pista nelle ultime quattro porte, e da campionessa del mondo uscente è quinta a 73 centesimi. Ne approfitta quindi Petra Vlhova, che sfrutta ilo disegno a lei congeniale grazie alla tracciatura del proprio tecnico, Livio Magoni: è seconda a 19 centesimi. Completa il podio virtuale Ragnhild Mowinckel, autrice di una buona prova grazie al pettorale numero 1 e staccata di 37 centesimi.

Il trittico delle azzurre

La classifica quindi si allunga, ma tra la sesta e l'ottava posizione ci sono ben tre italiane, la migliore delle quali è Sofia, che con il pettorale numero 17 sfrutta l'ultimo momento di sole pieno prima del definitivo tramonto e dell'accensione delle luci, che portano a quella visibilità "ibrida" che non a tutte piace". La bergamasca si inserisce al sesto psoto con un ritardo di 91 centesimi, davanti a Federica Brignone che invece è a +0.95. Chiude il trittico Marta Bassino, il cui distacco, però, è decisamente più alto: +1.55. L'ultima azzurra in gara, Francesca Marsaglia, è staccata di 3.21, molto lontana dalla vetta.

Appuntamento alla seconda manche

L'appuntamento per la seconda manche sembra essere confermato: alle 17:45 è prevista la partenza della 30esima qualificata, meteo permettendo. L'appuntamento con la diretta televisiva è alle 17:30 su Eurosport 1 ed Eurosport Player.

Video - Sofia Goggia trova il sole e il 6° tempo a 91 centesimi da Rebensburg nella prima manche

00:53
0
0