Getty Images

Sofia Goggia, da Foppolo all'oro olimpico: la cronistoria di una fuoriclasse

Sofia Goggia, da Foppolo all'oro olimpico: la cronistoria di una fuoriclasse

Il 21/02/2018 alle 09:47Aggiornato Il 21/02/2018 alle 11:04

La bergamasca classe 1992 nella discesa olimpica di Pyenogchang ha realizzato un sogno vincendo la medaglia d'oro: la sua storia è costellata di infortuni e di rinascite, fino alla crescita esponenziale della stagione scorsa, fondamentale per arrivare al successo di oggi.

1992

Sofia Goggia nasce a Bergamo il 15 Novembre 1992.

1995

Indossa un paio di sci per la prima volta, con il padre che la porta sulle piste di Foppolo all'età di 3 anni. Viene tesserata per lo Sci Club Ubi Banca Goggi, poi per il Radici Group, infine per il Rongai di Pisogne.

" Ho iniziato quando avevo solo 3 anni, dopo mesi di capricci perché vedevo mio fratello più grande che sciava e volevo imitarlo. Aspettavo la domenica per tutta la settimana: la sera prima ci spostavamo nella nostra casa a Foppolo e alla mattina ci svegliavamo e correvamo alle piste. Al pomeriggio sciavo con mamma e papà, ma prima c’erano i corsi: muovendoci verso Carona, improvvisavo sempre una gara con gli altri bambini e vincevo ogni volta, perché sono sempre stata abituata a spingere fino all’ultimo metro (Eco di Bergamo)"

2007

28 novembre: debutta nel circuito FIS in una gara di Nazionale giovanile a Livigno.

Dicembre: ottiene i suoi primi punti piazzandosi rispettivamente 2° e 1° in supergigante a Caspoggio.

2008

maggio: debutta in Coppa Europa, ma non conclude la sua gara in supergigante, arrivano però i primi piazzamenti in Coppa Europa.

19 dicembre 2008: 5° posto nel gigante valido come gara FIS ad Abetone

2 marzo 2009: 4° posto in discesa libera a Caspoggio

8 aprile 2009: 6° posto in Super-G a Pila

Sofia Goggia, San Sebastian 2011

Sofia Goggia, San Sebastian 2011Imago

2009

In estate subisce il primo infortunio al ginocchio.

Al rientro partecipa al Mondiale Juniores a Garmisch-Partenkirchen, ma chiude sesta nella discesa libera e 46esima nello slalom gigante.

2010-2011

A dicembre subisce un nuovo infortunio al ginocchio - il secondo - e conclude subito la sua Coppa Europa.

Rientra nella stagione 2010-2011 e vince i due giganti di Zinal, validi come gara FIS e viene così convocata per la prima volta in Coppa del Mondo dalla squadra italiana: esordisce il 28 dicembre 2011 in Coppa del Mondo, senza concludere lo slalom gigante di Lienz. A dicembre 2011 si arruola nel Gruppo Sportivo Fiamme Gialle.

Goggia, esordio in Coppa del Mondo a Lienz 2011

Goggia, esordio in Coppa del Mondo a Lienz 2011Imago

2012

L'8 febbraio ottiene il suo primo podio in Coppa Europa nel supergigante di Jasna vinto dalla connazionale Enrica Cipriani. Arriva anche la prima vittoria nella supercombinata di Sella Nevea.

Il 24 Novembre un nuovo infortunio, questa volta uno stiramento dei legamenti collaterali di entrambe le ginocchia e frattura del piatto tibiale. Comunque sia è terza assoluta in classifica generale in Coppa Europa con 515 punti e vince la Coppetta di supercombinata con 140 punti.

2013

Nel 2013 debutta ai Mondiali di Schladming: in Supergigante a sorpresa si piazza 4° a 5 centesimi dal podio

7 dicembre: a Lake Louise si rompe i legamenti crociati del ginocchio sinistro e salta le Olimpiadi di Sochi. Pensa addirittura di smettere e di lasciare lo sci alpino.

" Dopo l’ultimo grave infortunio al ginocchio sinistro nel 2013, mi alzai una mattina e mi chiesi se volevo davvero sciare, se quella fosse la mia strada (Vanity Fair)"

2015

7 gennaio: in allenamento a Santa Caterina Valfurva si ferma di nuovo per una cisti al ginocchio: nuova operazione e stagione conclusa.

Il 2015-2016 è la sua prima stagione completa in Coppa del Mondo: il miglior piazzamento è un quarto posto in Super-G a Soldeu.

2016

In coppa del Mondo il primo podio è il 26 novembre 2016 a Killington con un 3° posto nello slalom gigante.

Il primo podio in discesa libera giunge il 2 dicembre 2016 con il 2° posto a Lake Louise (dove si piazza anche 3a nel superG), laddove si era infortunata tre anni prima.

2017

Il 13 febbraio 2017 arriva il primo podio ai Mondiali, con il 3° posto nello slalom gigante a St. Moritz dopo la delusione del 4° in discesa libera (vinse la Stuhec).

Il 4 marzo 2017 ecco finalmente la prima vittoria in Coppa del Mondo, proprio nella discesa libera a Jeongseon in Corea del Sud davanti a Lindsey Vonn. Il 5 Marzo 2017 vince anche il SuperG sulla stessa pista e sempre davanti alla Vonn

Nella stagione dei record dello sci azzurro (43 volte a podio tra maschile e femminile contro i 38 del 1996/1997) Prima azzurra ad andare a podio in 4 discipline differenti. 13 podi stagionali (Deborah Compagnoni che si fermò a nove nelle stagioni 1996/1997 e 1997/1998) e 1197 punti, con cui batte il record di 1100 stabilito da Karen Putzer nel 2002/2003.

2018

Il 14 gennaio 2018 vince la discesa di Bad Kleinkirchheim in Austria nel giorno della storica tripletta azzurra: seconda è Nadia Fanchini, terza Federica Brignone.

il 19 gennaio 2018 si ripete e vince la discesa di Cortina d'Ampezzo sull’Olimpia delle Tofane: è il suo quarto successo in CdM.

Il 21 febbraio vince l’oro olimpico in discesa libera davanti a Raghnild Mowinckel e Lindsey Vonn.

You're using a browser with settings that do not support playback of this video.

Click the link below to view supported browsers and find out about other options available to view this content.

Eurosport Supported Browsers

Video - Sofia Goggia fantastica in discesa: la medaglia d'oro è sua

01:45
0
0
Ultimi video