Getty Images

Marcel Hirscher, il sigillo del mostro: rivali a oltre un secondo

Marcel Hirscher, il sigillo del mostro: rivali a oltre un secondo

Il 08/12/2018 alle 14:33

Dal nostro partner OAsport.it

Marcel Hirscher mostra i muscoli come solo lui sa fare e vince a mani bassi il gigante della Val d’Isere, prova valida per la Coppa del Mondo 2018-2019 di sci alpino. Il fenomeno austriaco aveva letteralmente dominato la prima manche e non si è risparmiato nella seconda: ha sciato divinamente senza controllare più di tanto la situazione nonostante il largo vantaggio, ha pennellato delle curve da maestro e non ha sbagliato davvero da nulla tagliando il traguardo col tempo complessivo di 1:44.29 e trionfando con distacchi imbarazzanti nei confronti dei rivali (tutti oltre un secondo). Sotto una nevicata di discreta intensità, il 29enne ha confezionato l’ennesima impresa e ha messo il sigillo numero 60 nel massimo circuito itinerante.

Video - Marcel Hirscher non ha avversari: rifila oltre 1" a Kristoffersen e vince il gigante di Val d'Isere

00:58

Letteralmente sbaragliata la concorrenza: il norvegese Henrik Kristoffersen, suo grande rivale nelle ultime stagioni (domani andrà in scena la rivincita in slalom), ha accusato 1.18 secondi di ritardo recuperando due posizioni rispetto alla prima manche ed è così riuscito a precedere lo svedese Matts Olsson (a 1.31) che conferma la posizione della prima manche a differenza dello sloveno Zan Kranjec che ha chiuso in nona piazza (a 2.10). Il miglior tempo di manche è stato siglato dal nostro Riccardo Tonetti che ha chiuso con un’onorevole ottava posizione (a 1.79): l’azzurro è riuscito a recuperare ben otto piazze, ha sciato in maniera sciolta e ha disputato un’ottima gara facendo vedere che al momento è il miglior gigantista italiano, davvero a un passo dalla top cinque completata dal francese Alexis Pinturault (a 1.46) e dallo svizzero Loic Meillard (a 1.54).

Video - Tonetti centra il miglior tempo della seconda manche del gigante: è ottavo

00:53

Fantastico lo svizzero Marco Odermatt che col pettorale 32 ha chiuso settimo (a 1.72), la migliore rimonta è del canadese Erik Read (12esimo, ne ha recuperate 15). Gli altri italiani hanno riscattato l’opaca prova della mattina: Luca De Aliprandini 16esimo (a 2.64, 9 posizioni recuperate), Manfred Moelgg 17esimo (a 2.65, recuperate sei piazze).

0
0