Getty Images

Quiksilver Pro France: storico terzo posto per Leonardo Fioravanti!

Quiksilver Pro France: storico terzo posto per Leonardo Fioravanti!

Il 11/10/2019 alle 23:30Aggiornato Il 11/10/2019 alle 23:33

Dal nostro partner OAsport.it

E così anche la nona tappa del Championship Tour di surf è andata in archivio. Un grande show quello a “La Gravière” ad Hossegor (Francia) per il Quiksilver Pro France 2019. Le onde di 6-8 piedi hanno permesso ai partecipanti di mettere in mostra tutta la loro abilità sulla tavola, dovendo fronteggiare condizioni variabili a seconda della marea.

È stata la stage che ha fatto la storia per l’Italia nel circuito internazionale. Leonardo Fioravanti, infatti, è stato protagonista assoluto nel round, in una competizione che ha rappresentato il grande ritorno dopo le quattro gare saltate (OI Rio Pro, Corona Open J-Bay, Tahiti Pro Teahupo’o e Freshwater Pro) per problemi alla spalla (con annessa operazione). Leo ha entusiasmato il pubblico presente, spingendosi fino alle semifinali e superando nel proprio percorso la leggenda del surf Kelly Slater (11 titoli mondiali in bacheca), nonché l’hawaiano Seth Moniz, l’australiano Adrian Buchan e dovendosi arrendere per pochi decimi di punto al brasiliano (n.4 del mondo) Italo Ferreira: 10.83 per l’italiano contro l’11.60 del verdeoro. E così Fioravanti ha ottenuto la terza piazza nella graduatoria complessiva, miglior risultato di sempre per un surfista del Bel Paese.

Un riscontro che gli ha permesso di guadagnare cinque posizioni nel ranking (30esimo). Sono otto i posti che lo separano dalla zona di qualificazione al CT 2020 ed è chiaro che le assenze citate precedentemente pesano. Relativamente al discorso olimpico, ottenere il pass è complicato. Fioravanti è stato costretto a saltare gli ISA World Surfing Games e la graduatoria mondiale non sorride al nostro portacolori. Ecco che l’ultima chance, in questo senso, sono gli ISA World Surfing Games 2020 che concederanno le carte olimpiche ai primi quattro classificati ma l’obiettivo è impegnativo.

Una giornata da ricordare anche per la Francia visto il successo di Jeremy Flores, che si è preso la soddisfazione di battere Ferreira, dando conferme dei già ottimi riscontri ottenuti quest’anno: secondo nel Corona Bali Protected e quinto nel Tahiti Pro Teahupo’o. 15.00 il punteggio totalizzato dal transalpino contro l’8.23 del brasiliano, condizionato anche da un piccolo infortunio rimediato nella semifinale contro Fioravanti. A due appuntamenti dalla conclusione, a comandare nella classifica generale è sempre l’altro brasiliano Gabriel Medina (nono in quest’ultimo round) a precedere il connazionale Filipe Toledo, il sudafricano Jordy Smith e il citato Fereira che scavalca l’americano Kolohe Andino. Un gran balzo in avanti lo fa Flores che rientra nella top-10 (nono).

Nella gara femminile la tre volte campionessa del mondo (leader della classifica) Carissa Moore si è portata a casa il secondo successo stagionale, centrando il sesto piazzamento nella top-3 di quest’annata sugli scudi per lei. L’hawaiana ha avuto la meglio nei confronti della surfista americana Caroline Marks, vincitrice nel Boost Mobile Pro Gold Coast. Moore con 17.60 ha messo d’accordo tutti, contro i 7.00 della rivale. Con questi riscontri, la vincitrice dell’appuntamento francese si conferma sempre più in vetta alla graduatoria mondiale, a precedere la statunitense Lakey Peterson, l’australiana Sally Fitzgibbons, la citata Marks e la sette volte campionessa del mondo Stephanie Gilmore.

Video - Inizia l'estate, torna il Surf su Eurosport: appuntamento su Eurosport 2 ogni martedì

00:15

0
0