Getty Images

Seppi sì, Fabbiano no: a Mosca avanza solo Andreas con una rimonta su Carballes Baena

Seppi sì, Fabbiano no: a Mosca avanza solo Andreas con una rimonta su Carballes Baena

Il 16/10/2019 alle 19:13Aggiornato Il 16/10/2019 alle 19:15

Dal nostro partner OAsport.it

Dalla Russia con onore. No, non è il titolo di un film ma quanto sta facendo a Mosca Andreas Seppi (n.72 del ranking). L’azzurro, dopo aver sconfitto nel primo turno dell’ATP di tennis russo il cileno Christian Garin, ha superato lo spagnolo Roberto Carballes Baena (n.80 del mondo) con il punteggio di 5-7 6-1 6-3 in 2 ore e 15 minuti di partita. Una vittoria di grinta e di determinazione per l’altoatesino, capace di cambiare il corso del confronto in proprio favore. Seppi quindi accede ai quarti di finale dove se la vedrà contro il vincente della sfida tra il tedesco Kohlschreiber e la testa di serie n.2 Khachanov. Sulla carta, il russo è chiaramente favorito.

Nel primo set entrambi i giocatori faticano a trovare il ritmo al servizio, concedendo due break in rapida successione. Si gioca sul filo dell’equilibrio e i due contendenti hanno una resa migliore in risposta. In questo braccio di ferro è Andreas a dover cedere, dopo aver perso nel nono e nell’undicesimo game il turno in battuta, vanificando il recupero nel decimo. L’azzurro dà il tutto per tutto, annullando quattro set point e avendo due palle break, ma poi alla quinto tentativo l’iberico si aggiudica la frazione sul 7-5.

Nel secondo set l’apertura non è delle migliori: break e Carballes Baena subito a comandare. Improvvisamente, però, il n.72 ATP trova continuità nel proprio tennis, mettendo in grande difficoltà il rivale al servizio e in risposta. Si assiste, infatti, a un soliloquio del nostro portacolori che infila una serie di 6 giochi a 0, vincendo il parziale 6-1, forte di 3 ace e del 71% dei quindici ottenuti con la prima in battuta.

Nel terzo set Seppi inizia con il piglio giusto, conquistando il break e mettendo sui binari a lui più favorevoli l’incontro. Mantenendo una velocità di crociera ottima al servizio, l’azzurro tiene sempre sotto pressione lo spagnolo, costretto a salvare una palla break nel settimo game. Nel nono però Andreas concede il bis e conclude in grande stile sul 6-3.

Fabbiano si arrende a Gerasimov

Thomas Fabbiano invece è stato battuto col punteggio di 6-3 6-4 dal bielorusso Egor Gerasimov. E’ Fabbiano nel quinto game del primo set a strappare per primo il servizio (a zero) all’avversario ma sarà anche l’ultima, poiché subito dopo restituisce il break subendo una serie di quattro giochi consecutivi, col secondo turno di battuta di fila perso a zero all’ottavo game, il 26enne di Minsk si aggiudica il primo parziale in soli 29 minuti.

Un solo break nel secondo set, subito dal 30enne nativo di Grottaglie, ma Thomas deve salvare una palla break nel primo gioco, due nel terzo e una nel settimo e ne manca a sua volta una nel secondo, ma da quel momento Gerasimov sulla sua battuta non concede più nulla a Fabbiano cedendo solo due punti in quattro turni di servizio e chiudendo il match dopo un’ora e 20 minuti di gioco.

0
0