Getty Images

Djokovic riparte da Monte Carlo: “Per me la terra rossa è un nuovo inizio”

Djokovic riparte da Monte Carlo: “Per me la terra rossa è un nuovo inizio”

Il 16/04/2018 alle 21:11Aggiornato Il 16/04/2018 alle 22:02

Dal nostro partner OAsport.it

È finalmente tornato il vero Novak Djokovic? Non può sicuramente darne la certezza il 6-0, 6-1 arrivato oggi in meno di un’ora all’esordio su terra battuta, nel derby con Dusan Lajovic, ma ci sono alcuni indizi che fanno ben sperare. Al Masters 1000 di Monte Carlo, l’ex numero uno al mondo sembra star bene soprattutto a livello mentale, cosa che in questo 2018 non si era ancora vista: da valutare invece con test più probanti il suo stato fisico.

" Anche se il mio avversario ha commesso molti errori, è un buon ritorno considerando il numero di partite che ho giocato negli ultimi dodici mesi. Mi mancano le partite, la competizione, tutti possono vederlo. A Indian Wells e Miami, dopo l’operazione e tutto il resto, stavo giocando al di sotto del livello richiesto. È stato difficile, anche mentalmente, stare in campo: non ero ancora fisicamente pronto a questo livello... E il gomito mi faceva ancora male."

Novak Djokovic ha commentato il recente ritorno di Vajda sulla sua panchina:

" È come un nuovo inizio per entrambi. Mi è mancato ed entrambi abbiamo apprezzato gli ultimi dieci giorni di allenamento. Mi conosce meglio di qualsiasi allenatore con cui abbia mai lavorato. È un amico, una persona con cui posso condividere molte cose, su aspetti professionali o privati. Lui è sempre stato lì per me e non potevamo sperare in un inizio migliore. Tutti conoscono Marian, è umile, onesto, apprezzato da tutti sul circuito. Fin dal nostro primo allenamento, mi sentivo al sicuro sul campo."
Novak Djokovic

Novak DjokovicEurosport

Infine, sulla separazione con Radek Stepanek e Andre Agassi:

" Sono grato per il loro aiuto. Ci siamo lasciati perché pensavamo fosse meglio per tutti. Dopo Indian Wells e Miami, non sapevo in che direzione andare e li avrei lasciati al buio senza chiare indicazioni su ciò che volessi fare."

Video - McEnroe a Becker: "Djokovic applaude Chung, ma io a Lendl avrei mandato un topo morto"

03:26
0
0