Getty Images

Federer, la caccia al numero 1 è iniziata: Bemelmans gli fa da sparring al debutto di Rotterdam

Federer, la caccia al numero 1 è iniziata: batte Bemelmans al debutto di Rotterdam

Il 14/02/2018 alle 20:31Aggiornato Il 14/02/2018 alle 21:04

Per gli innamorati del tennis, Roger Federer celebra San Valentino con una breve ma splendida esibizione sul veloce indoor di Rotterdam: 6-1, 6-2 al belga Ruben Bemelmans fra accelerazioni controbalzo, rovesci lungolinea e recuperi no-look.

Cinque anni e 106 giorni dopo la sua ultima volta da numero 1, Roger Federer debutta nel torneo che, salvo sorprese, gli riconsegnerà il primato sulla strada del mito. Siamo a Rotterdam e Federer è alla nona partecipazopne sul veloce indoor dell'ATP 500 amato dalle leggende del tennis (Arthur Ashe, Björn Borg, Jimmy Connors, Guillermo Vilas, Stefan Edberg, Boris Becker, Goran Ivanisevic e Lleyton Hewitt sono i grandi nomi dell'albo d'oro) e così vinto da Roger nel lontano 2005, in finale contro il suo Ljubicic, e 6 anni fa contro Juan Martin Del Potro.

Il primo match di Federer a Rotterdam è una breve esibizione che celebra San Valentino per gli amanti del tennis: un nettissimo 6-1, 6-2 al belga numero 110 ATP Ruben Bemelmans con nessun game ai vantaggi nel primo parziale e un secondo set di grandi colpi deflagrati in accelerazione controbalzo o di rovescio lungolinea, con la chicca della serata quando Roger, di rimonta sul lob avversario, sale in cattedra con una piroetta dorsale no look di magnifica grazia. Federer affronterà agli ottavi il veterano tedesco Philipp Kohlschreiber, che ha vinto la sua sfida generazionale contro il russo Kharen Khachanov: nel mirino c'è il numero 1 di Rafael Nadal.

Video - Da 0 a 20, all'infinito: Roger Federer è sempre più leggenda

00:51
0
0