Getty Images

Cecchinato e Fabbiano eliminati da Millman e Rublev: il loro Winston-Salem finisce qui

Cecchinato e Fabbiano eliminati da Millman e Rublev: il loro Winston-Salem finisce qui

Il 20/08/2019 alle 22:25Aggiornato Il 20/08/2019 alle 22:27

Dal nostro partner OAsport.it

Marco Cecchinato-John Millman 1-2 (7-6; 4-6; 3-6)

Il primo set è molto combattuto, ma non c’è nessun break e nessuna palla break fino al dodicesimo game, quando Cecchinato, che è al servizio, deve annullarne due, che sono anche due set point. Il 26enne palermitano allunga il parziale al tie-break dopo aver faticato per 14 punti, poi Cecchinato recupera fino al 4-4 e dal 4-5 infila tre punti consecutivi che gli regalano la vittoria nel game decisivo per 7-5. Un solo break nel secondo set ed è Cecchinato a subirlo nel settimo game dopo aver già annullato due palle break nel quinto, l’australiano si aggiudica così il set in 46 minuti, allungando la partita al terzo. Anche in questo frangente nessun break fino al settimo game quando è di nuovo il siciliano a perdere il servizio. Millman sotto 3-2, infila una serie di quattro game consecutivi, vincendo gli ultimi undici punti e conquistando il successo dopo due ore e 31 minuti di gioco.

Video - Cecchinato subito fuori al 1° turno: gli highlights del ko con Mahut in 190 secondi

03:07

Andrey Rublev-Thomas Fabbiano 2-0 (6-4; 6-2)

Nel primo set Fabbiano va subito in difficoltà al servizio, annullando un break point nel primo game, ma perdendo poi la battuta a zero nel terzo. Rublev conferma l’allungo andando 3-1, poi l’azzurro deve annullare quattro palle per il 4-1 pesante al russo, salvandosi ai vantaggi e trovando addirittura il controbreak che vale il 3-3. Il parziale si decide tra ottavo e nono game: prima Fabbiano spreca due opportunità per salire 5-3 e servizio, poi invece è l’azzurro a soccombere ed andare sotto 4-5, spedendo il russo a servire per il set. Rublev non si fa pregare e chiude 6-4 al primo set point. Nel secondo set continua il momento di rottura dell’azzurro, che subisce il break in avvio e poi manca due palle per il controbreak, mentre ne terzo game è Rublev a non concretizzare l’opportunità per il 3-0. II russo si salva ancora nel quarto game, annullando l’occasione per il 2-2 all’azzurro. A decidere l’incontro è il settimo game, quando alla terza opportunità Rublev ottiene il secondo break del set e vola sul 5-2, chiudendo facilmente nel gioco seguente, tenendo la battuta a zero.

Video - Thomas Fabbiano, il "cacciatore di giganti" di Wimbledon: la favola del piccolo grande uomo

01:42
0
0