Getty Images

Dall'università alla semifinale slam: una scatenata Collins doma la Pavlyuchenkova

Dall'università alla semifinale slam: una scatenata Collins doma la Pavlyuchenkova

Il 22/01/2019 alle 08:42Aggiornato Il 22/01/2019 alle 09:29

L'americana supera 2-6, 7-5, 6-1 la Pavlyuchenkova e diventa la prima tennista della storia a centrare una semifinale slam partendo dal... College! Sfiderà Kvitova o Barty.

Era il quarto delle outsider. Ma soprattutto una sfida tra due scuole di formazione completamente differenti. Da una parte Anastasia Pavlyuchenkova; una che da junior vinceva praticamente tutto (3 titoli slam, di cui 2 qui proprio in Australia); dall’altra Danielle Collins, tennista di formazione collegiale sconosciuta ai più fino a febbraio del 2018.

Ha vinto la Collins, uscendo alla distanza sui livelli straordinari che le avevano permesso fin qui di far cadere tra le altre Goerges, Garcia e soprattutto Kerber, spazzata via giusto un paio di giorni fa con un impressionante 6-0, 6-2.

Dopo un avvio infatti decisamente lontano dai fasti delle partite con cui aveva fatto saltare tutte le teste di serie affrontate sul proprio cammino, la Collins ha trovato la forza di reagire nel secondo set, iniziando a impattare quel tennis potente – e preciso – messo in mostra fin qui a Melborune.

E così, alla distanza, la Pavlyuchenkova si è dovuta arrendere; come del resto le è sempre successo in questo torneo, dove in 8 anni – e 5 quarti di finale giocati – non è mai riuscita a centrare il passaggio tra le migliori quattro.

Video - Australian Open: Collins-Pavlyuchenkova 2-6 7-5 6-1, gli highlights

02:53

Ci è riuscita invece al primo tentativo di sempre qui in Australia Danielle Collins, capace di infilare 7 giochi consecutivi nel momento più importante della partita, ovvero dal 5-5 del secondo set in poi.

Una Collins che conferma così il particolare feeling delle tenniste americane con questo torneo a inizio stagione. Dagli exploit di Stephens e Keys, esplose proprio qui rispettivamente nel 2013 e nel 2015 (semifinaliste); passando per il grande risultato di CoCo Vandeweghe un paio di edizioni fa (anche lei semifinalista). Ora tocca a Danielle Collins, che per attitudine in campo – e tennis aggressivo – ricorda proprio un po’ proprio il tennis della Vandeweghe.

Video - Collins: "Non mi ero nemmeno mai allenata sulla Rod Laver Arena, è un'esperienza fantastica"

01:02

A differenza delle altre però la Collins smonta per la prima volta una teoria: ovvero quella della difficoltà per i tennisti americani nell’accedere al professionismo dopo gli anni dell'università. La Collins infatti, che già vinceva da molto giovane ma che non ha scelto il professionismo in tenera età anche per difficoltà economiche della famiglia – (preferendo quindi il college e il campionato universitario americano) – diventa la prima ex universitaria della storia ad accedere in semifinale di uno slam (superata Lisa Raymond, che invece nel 2004 si fermò ai quarti).

Ora, per la dottoressa in scienze della comunicazione alla Virginia University, una tra Petra Kvitova e Ashleigh Barty. E se ‘le mazzate’ saranno ancora queste, potrebbe non essere semplice per nessuna delle due.

Video - L'Angolo di Flavia, Pennetta: "Non date per finito Roger Federer"

19:23
0
0