Getty Images

Coppa Davis: Fognini e Berrettini nei convocati dell'Italia per le finali. Non c'è Sinner

Coppa Davis: Fognini e Berrettini nei convocati dell'Italia per le finali. Non c'è Sinner

Il 21/10/2019 alle 17:19Aggiornato Il 21/10/2019 alle 17:25

Dal nostro partner OAsport.it

Il conto alla rovescia è terminato e la sfida alle Finals di Coppa Davis 2019 è stata lanciata. Dal 18 al 24 novembre, sul veloce indoor della “Caja Magica” di Madrid, assisteremo al nuovo format della manifestazione a squadre più importante del tennis mondiale. Sono 18 le squadre a prendervi parte, suddivise in sei gironi:

  • Gruppo A: Francia, Serbia, Giappone;
  • Gruppo B: Croazia, Spagna, Russia;
  • Gruppo C: Argentina, Germania, Cile;
  • Gruppo D: Belgio, Australia, Colombia;
  • Gruppo E: Gran Bretagna, Kazakhstan, Olanda;
  • Gruppo F: Stati Uniti, ITALIA, Canada.

Gli incontri del round robin della fase finale vedranno in scena due singolari e un doppio, al meglio dei tre set con un tie-break anche nella frazione decisiva. A chi si aggiudica la sfida andrà un punto nel raggruppamento e sarà comunque necessario disputare il doppio anche se lo score sarà sul 2-0, a meno che l’arbitro non ritenga che la disputa dell’incontro non sia impraticabile per cause esterne. Le prime classificate e le due migliori seconde accederanno ai quarti di finale. Le quattro semifinaliste si qualificano alla fase finale della prossima edizione, mentre le compagini che chiuderanno dal quinto al sedicesimo posto prenderanno parte ai preliminari del 2020. Le due formazioni peggiori, invece, retrocederanno negli gruppi zonali. La fase a gironi si disputerà da lunedì 18 a giovedì 21 novembre, mentre quella ad eliminazione diretta prenderà il via a partire da giovedì sera.

L’Italia fa parte del Gruppo F insieme a Canada ed a Stati Uniti e non sarà un impegno semplice. I convocati per quest’avventura dal CT Corrado Barazzutti sono: Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Lorenzo Sonego, Andreas Seppi e Simone Bolelli. Nessuna sorpresa, quindi, con i due top-15 che dovrebbero avere la responsabilità di essere nei singolari (Berrettini e Fognini), mentre la chiamata di Bolelli è in funzione del doppio. Le scelte andranno fatte anche sulla gestione delle energie ed ecco che Sonego e Seppi, in buona condizione, possono essere delle alternative valide. Fuori, nonostante la scalata delle ultime settimane, la futura stella Jannik Sinner (da oggi numero 101 del mondo a soli 18 anni).

Guardando ai precedenti, i ragazzi del Bel Paese affronteranno gli Stati Uniti per l’undicesima volta, cercando il quarto centro. Degno di menzione l’ultimo confronto, ovvero quello del 1998 quando nella semifinale a Milwaukee Davide Sanguinetti superò Todd Martin e Andrea Gaudenzi si impose contro Gambill e in doppio con Diego Nargiso, portando al 4-1 finale. Un solo incontro con il Canada, favorevole ai nordamericani nel quarto di finale del World Group 2013 a Vancouver, ricordando il ko nel doppio (15-13 al quinto set).

0
0