LaPresse

Errani schianta Arruabarrena e tiene in vita l'Italia contro la Spagna: 1-1 in attesa del doppio

Errani schianta Arruabarrena e tiene in vita l'Italia contro la Spagna: 1-1 in attesa del doppio

Il 10/02/2018 alle 17:43Aggiornato Il 10/02/2018 alle 20:55

Dal nostro partner OAsport.it

Sara Errani batte un colpo e dopo la prima giornata tiene in vita le speranze dell’Italia nella Fed Cup. Il resoconto dei primi due match singolari…

Paolini-Suarez Navarro 2-6, 3-6

Nel primo match del primo turno del World Group II di Fed Cup 2018, sulla terra rossa indoor del PalaTricalle “Sandro Leombroni” di Chieti tra Italia e Spagna, poco da fare per la giovane Jasmine Paolini (n.158 del mondo) superata dalla ben più quotata Carla Suarez Navarro (n.29) con il punteggio di 6-2 6-3 in 1 ora e 13 minuti di partita. Un match ben gestito dall’iberica, superiore dal punto di vista del palleggio da fondo, al cospetto comunque di una Paolini che ha lottato, costretta a spingere e perdendo spesso la misura dei propri colpi. Primo punto dunque in favore della Spagna nella sfida sulla terra abruzzese.

Nel primo set, dopo una partenza un po’ incerta, la spagnola sale in cattedra con il suo dritto approfittando di un atteggiamento troppo timoroso dell’italiana. Troppo passiva la 21enne (n.158 WTA), incapace di trovare il timing giusto sulla palla contro le traiettorie “arrotate” dell’avversaria. Tessendo la propria ragnatela, l’iberica domina la scena strappando il servizio alla classe ’96 nativa di Castelnuovo di Garfagnana in ben tre occasioni. L’azzurrina ha uno scatto d’orgoglio nel settimo game quando si toglie la soddisfazione di ottenere il parziale controbreak grazie ad un’ottima accelerazione di dritto. Ma l’epilogo della frazione arriva poco dopo con la Suarez Navarro in spinta nello scambio, chiudendo sul 6-2.

Nel secondo set la Paolini prova a cambiare marcia, mettendo in mostra alcuni vincenti degni di nota e costringendo la rivale a recuperi più complicati. Manca però la dovuta continuità a Jasmine, obbligata a cercare sempre il vincente per finire vittima dei lunghi scambi della spagnola. Gli errori dunque si fanno numerosi nel quinto e settimo game quando la nostra portacolori, pur lottando, deve cedere la battuta in due occasioni. Arriva una reazione, come nel parziale precedente, utile però solo a prolungare di qualche minuto l’incontro vinto dall’ex top10 sul 6-3.

Errani-Arruabarrena 6-1, 6-1

Nel secondo match del primo turno del World Group II di Fed Cup 2018, sulla terra rossa indoor del PalaTricalle “Sandro Leombroni” di Chieti, tra Italia e Spagna Sara Errani riscatta il ko subito da Jasmine Paolini e conquista una convincente vittoria contro l’iberica Lara Arruabarrena (n.82 del mondo), avendo la meglio in poco più di un’ora di gioco sul punteggio di 6-1 6-1.

Con questo risultato il Bel Paese pareggia le sorti della sfida contro le “Furie Rosse” tornando in gioco per la qualificazione al playoff di aprile. Nel primo set, dopo uno scambio di break e controbreak, il tennis di Sarita mette in grave difficoltà la spagnola. Le traiettorie “arrotate” e le rapidi accelerazioni dell’azzurra fanno breccia nella difesa della rivale che, specie con il rovescio, fa tanta fatica a difendersi dal pressing da fondo dell’azzurra. Sul rosso abruzzese si rivede una Errani di lusso che a suon di vincenti e palle corte asfalta letteralmente l’iberica conquistando un 6-1 di grande qualità che esalta il pubblico presente.

Nel secondo parziale, la fame di successo della Errani non si esaurisce e, in modo speculare al parziale precedente, dopo uno scambio di cortesie nel 2° e 3° gioco, prende il largo regalando altre perle tennistiche che non le vedevamo fare da un po’. A suon di dritti e rovesci profondi, la malcapitata Arruabarrena non può far altro che alzare la bandiera bianca, perdendo la battuta nel quarto e sesto game ed arrendendosi all’italiana in grande spolvero.

0
0