Getty Images

Sinner, il sogno continua! Batte Johnson in rimonta e vince il primo match in un Masters 1000

Sinner, il sogno continua! Batte Johnson in rimonta e vince il primo match in un Masters 1000
Di Eurosport

Il 12/05/2019 alle 19:32Aggiornato Il 13/05/2019 alle 11:56

Dal nostro partner OAsport.it

Jannik Sinner si regala un sogno. Il 17enne altoatesino, numero 262 del ranking, rivelazione di questo avvio di stagione, ha compiuto una vera e propria impresa, sconfiggendo lo statunitense Steve Johnson, numero 59 ATP, con il punteggio di 1-6 6-1 7-5 in 1 ora e 53 minuti di gioco nel primo turno degli Internazionali d’Italia 2019. Una prestazione sontuosa del ragazzino italiano, per la prima volta nel Centrale di Roma e nel main draw grazie alla finale raggiunta nelle pre-qualificazioni. Nessun timore reverenziale e una super partita sciorinata con estrema naturalezza. Nel prossimo turno ci sarà ad attenderlo il greco Stefanos Tsitsipas (testa di serie n.8) e sarà bellissimo vederlo a confronto di uno dei prospetti più interessanti del circuito ATP.

Nel primo set l’emozione si fa sentire. Jannik gioca contratto, non trovando la misura dei suoi colpi, al cospetto di un avversario molto più esperto di lui. Johnson ne approfitta, andando subito avanti 2-0, con buone soluzioni che mettono in difficoltà il giovane tennista nostrano. Fatica a trovare il ritmo Sinner e il dritto scappa qualche volta di troppo. Errori non forzati che permettono al n.59 del ranking di bissare il break ed andare sul 5-1. Tenendo la battuta a zero, lo statunitense archivia la pratica sul 6-1, con relativa facilità, forte del 91% dei punti conquistati con la prima di servizio e dell’87% con la seconda.

Nel secondo set, incredibilmente, la scena se la prende l’altoatesino. Con grande determinazione, Sinner non ci sta a recitare il ruolo di vittima sacrificale e con cambi di ritmo ben assestati crea tanti grattacapi a Johnson, che forse credeva di avere vita facile. Arrivano così due break nel quarto e sesto gioco che permettono all’azzurrino di pareggiare il computo delle frazioni sul 6-1, avendo migliorato nettamente la resa in battuta, con il 70% delle prime messe in campo e il 75% dei punti conquistati.

Nel terzo set, il 17enne del Bel Paese ha sulla racchetta due palle break nel terzo game ma l’americano è bravo a salvarsi. Poca lucidità che costa caro a Sinner, dal momento che nel gioco successivo arriva il break in favore del rivale. Sembra finita e invece arrivano due break che ribaltano incredibilmente il punteggio sul 7-5. Un epilogo sorprendente, in cui tutte le qualità del talentino azzurro si sono viste, suggellate dai 41 colpi vincenti e da un’autorevolezza incredibile da vero attore consumato.

Video - Jannik Sinner, la scalata da record del 2001 che fa sognare il tennis italiano

01:10
0
0