Eurosport

Pennetta out

Wozniacki troppo forte per Flavia
Di Eurosport

Il 24/02/2011 alle 17:28Aggiornato Il 24/02/2011 alle 22:41

La Pennetta, pur combattendo, si arrende alla n° 1 del mondo ai quarti di finale di Doha. 6-2, 6-0 è il risultato dei parziali a favore della danese al termine di un match che non premia, comunque, gli sforzi dell'azzurra

Ci prova Flavia Pennetta, diamogliene atto, ma quando di fronte ti ritrovi una Caroline Wozniacki come quella ammirata nella giornata odierna c'è, obiettivamente, poco da fare. Una Wozniacki in stato di grazia batte 6-2, 6-0 la Pennetta ai quarti di finale del WTA di Doha, al termine di un match che, comunque, non premia gli sforzi dell'azzurra. perchè la numero 2 italiana lotta e gli unici due game racimolati non rendono giustizia alla sua prestazione.

Peccato per Flavia che aveva iniziato nel migliore dei modi il primo set portandosi sul 2-0, salvo poi subire la rimonta della 20enne di Odense che nel quarto game riesce, persino ad annullare ben sette palle game all'azzurra. Ed è, forse, quello il momento in cui la partita inizia a girare nei confronti di Caroline che in breve vola sul 5-2 per poi procurarsi due set point. La brindisina annulla il primo ma non il secondo e cede il primo parziale.

AFP

AFP

L'altra semifinale, invece, vedrà opposte la numero 3 del mondo Vera Zvonareva e l'ex numero 1 del ranking Jelena Jankovic. La russa fatica, e non poco, per avere la meglio sulla slovacca Daniela Hantuchova, battuta per 7-5, 6-7, 7-5 dopo poco più di tre ore di gioco. Match che si snoda equilibrato e che vede le due giocatrici rincorrersi alla ricerca del break. Nel primo set è la Zvonarva ad avere la meglio, nel secondo la Hantuchova anche se la 28enne slovacca ha di che recriminare perchè nella seconda frazione, sul 5-4 fallisce due set point, subisce il break e si gioca il parziale al tie break dove s'impone per 7-5. Energie spese inutilmente e che avrebbe potuto conservare per la terza e decisiva frazione dove, nonostante evidenti difficoltà durante il proprio turno di battuta, riesce a brekkare l'avversaria e a procurarsi diverse occasioni per allungare. Sul 3-1 spreca la chance di involarsi addirittura 41 e nel settimo gioco va vicinissima al 5-2. La sindrome del braccino, però, si fa strada nella Hantuchova che sul 5-4 subisce il controbreak e finisce, poi, per perdere il match.

Reuters

0
0