PA Sport

Nessun miracolo parigino: continua il momento no della Errani, è fuori al 1° turno

Nessun miracolo parigino: continua il momento no della Errani, è fuori al 1° turno

Il 23/05/2016 alle 18:12Aggiornato Il 23/05/2016 alle 18:38

Sara, ancora alla caccia di una vittoria in stagione sulla terra rossa (no Charleston), è beffata anche alla bulgara Pironkova: 6-3, 6-2 il punteggio finale. Fuori anche Bolelli a cui non riesce la proibitiva impresa con Nishikori: 6-1, 7-5, 6-3 il risultato a favore del tennista giapponese

Giorgi. Watson. Puig. Pironkova. Non esattamente il ruolino di sconfitte di chi, qualche anno fa, qui giocava la sua prima finale di un torneo dello slam. No, non è un 2016 da ricordare quello di Sara Errani, anche oggi alle prese con una partita di tennis molto semplicemente non da lei. Non è tanto la questione tecnica di una prima di servizio problematica o di un impatto difficile con la partita, quanto piuttosto l’aspetto psicologico di una giocatrice palesemente svuotata dal punto di vista mentale.

La Pironkova infatti – non esattamente Arantxa Sánchez su questa superficie – ha fatto di Sara più o meno quel che ha voluto. Da un break preso a freddo a inizio partita – e gestito fino al 6-3 del primo set – all’altalena di inizio secondo, quando tra break e controbreak dei primi 5 giochi, è stata comunque la tennista bulgara a trovare un “banalissimo” tennis di palleggio dal fondo che in attesa dell’errore – oggi puntuale – della Errani, l’ha portata a una comoda vittoria per 6-2.

Torna così in mente quella conferenza stampa della Errani in Australia che dopo la sconfitta con Margarita Gasparyan, era apparsa completamente svuotata anche nello sguardo. Un atteggiamento che, esclusi Dubai e Charleston, è stato un po’ il comunque denominatore di questo 2016 avaro di soddisfazioni. D’altra parte i risultati parlano chiaro: mai oltre il primo turno a Madrid, Roma, Strasburgo e Parigi. Un cammino a cui la Errani non ci aveva abituato. In bocca al lupo per il futuro.

VIDEO: Il giorno in cui Martina Hingis scoppiò a piangere a Parigi

Giornata non brillantissima in generale per i colori azzurri. Simone Bolelli doveva terminare il suo match contro Kei Nishikori… ma al bolognese non è riuscita l’impresa. Interrotto ieri già sotto 2 set a 0 (6-1, 7-5), Simone ha trovato oggi un discreto impatto col match, ma a differenza di Nishikori non è riuscito a sfruttare le sue chance. Bolelli ha avuto una palla break nel 6° gioco e 2 palle del controbreak nel nono, ma alla fine a passare è stato un Nishikori che senza troppa fatica si è portato via il comodo passaggio al secondo turno vincendo il terzo set per 6-3.

0
0