Getty Images

Giulia Gatto-Monticone, il cuore non basta: l'azzurra si arrende solo al 3° set contro Sofia Kenin

Giulia Gatto-Monticone, il cuore non basta: l'azzurra si arrende solo al 3° set contro Sofia Kenin

Il 27/05/2019 alle 20:51Aggiornato Il 27/05/2019 alle 21:27

La 31enne torinese vive un sogno nella sua prima apparizione negli Slam, rimonta ma poi cede alla distanza: l'americana vince 6-3 5-7 6-2 ma l'azzurra merita comunque applausi.

Nella giornata di Salvatore Caruso, Giulia Gatto-Monticone ci ha provato con tutte le sue forze a regalare un’altra impresa all’Italia. Un sogno figlio della sua determinazione, della sua voglia di godersi l’atmosfera del tabellone principale di uno Slam per la prima volta in carriera, anche al di là di qualche limite tecnico.

Il primo set è da copione con la potenza di Sofia Kenin che la fa da padrona mentre la torinese riesce a entrare nel match solo a fine parziale. Sono le variazioni l’arma della 31enne azzurra per opporsi a un peso della pallina decisamente più consistente da parte della tennista americana.

Nel secondo parziale, sotto 5-3, sembra finita la partita di Giulia Gatto-Monticone ma, finalmente libera da qualsiasi tipo di pressione, l’italiana si regala un’altra occasione: il braccio è sciolto, il rovescio lungolinea efficace e Sofia Kenin va fuori giri concedendo oltre il lecito.

La torinese numero 164 del mondo non sfrutta l’onda lunga della rimonta e si ritrova sotto 0-3 troppo in fretta. L’ultimo sussulto porta al 2-3 e la voglia di lottare non manca fino alla fine: in un’ora e 54 minuti si materializza il 6-3 5-7 6-2 della sentenza, ma dopo quasi 400 tornei professionistici giocati in carriera, Giulia Gatto-Monticone corona la sua miglior stagione della carriera con un match che merita solo applausi. La prima preziosa qualificazione Slam, che vale anche la seconda posizione come italiana nel ranking WTA, poteva essere già un premio. La nostra giocatrice è andata anche oltre e ci ha provato fino in fondo.

Video - Favola Caruso! Esultanza commovente dopo il successo su Munar

00:35
0
0