Getty Images

I lampi della notte: fuori la Muguruza! Kvitova da applausi, Venus infinita

I lampi della notte: fuori la Muguruza! Kvitova da applausi, Venus infinita

Il 04/09/2017 alle 05:51Aggiornato Il 04/09/2017 alle 05:56

Il circuito WTA perde la n°1 virtuale: Petra Kvitova con una partita sublime la fa saltare in 2 set; Svitolina o Pliskova in vetta al ranking se Elina fa semifinale o Karolina finale. Venus Williams invece prosegue la grande corsa: battuta la Suarez Navarro in 3 set: a 37 anni Venere è 19-3 negli slam nel 2017! Nel maschile Schwartzman fa fuori Pouile e Querrey non tradisce le attese.

Il match della notte

Gli ultimi quarti di finale in un torneo dello slam li aveva fatti qui due anni fa, quando Flavia Pennetta la fermò per dare il via a una storia di cui tutti conosciamo il finale. Oggi, dopo un dicembre di cui tutti conoscono i risvolti – l’aggressione in casa e la quasi perdita delle funzioni della mano – Petra Kvitova pare veramente tornata. Non un exploit fine a sé stesso come nel primo turno di Parigi o l’ancora troppo precoce Wimbledon, quanto piuttosto il ritorno di un giocatrice con la G maiuscola. La ceca ha infatti regolato la virtuale numero 1 del mondo Garbine Muguruza in due set, proseguendo il suo cammino netto – nemmeno un parziale lasciato per strada – e candidandosi seriamente a giocatrice con ambizioni da titolo. Kvitova è risalita da 4-1 sotto nel primo per vincere il tie-break e poi dominare il secondo set, dove col suo dritto mancino dal fondo ha messo la Muguruza agli angoli per il 7-6, 6-3. Garbine esce così agli ottavi di finale – suo miglior risultato di sempre qui – ma si ferma quindi a 6030 punti. Traduzione? Se Svitolina fa semifinale o Pliskova fa finale, viene superata e perde così la leadership messa su durante questo torneo.

Scusa, questo video non è più disponibile

Il tabellone femminile

Oltre a Petra Kvitova nella prima parte di nottata a prendersi gli applausi del pubblico di casa anche Venus Williams. La 37enne statunitense non ha ancora smesso di sorprendere in questa stagione e grazie alla vittoria sulla Suarez Navarro – 6-3, 3-6, 6-1 – ha messo in cascina un nuovo quarto di finale slam. Venus vanta l’incredibile 19-3 nei major in questo 2017, con due finali perse – Serena Australia e Muguruza a Wimbledon – e la certezza di poter continuare il suo percorso a New York. Ai quarti troverà proprio Kvitova. Se Petra è questa parte sfavorita, ma mai dire mai.

Scusa, questo video non è più disponibile

Il tabellone maschile

Solo appalusi per Diego-Sebastian Schwartzman che dopo lo scalpo di Cilic legittima la sua presenza facendo saltare anche la testa di serie n°16 Lucas Pouille per una parte bassa di tabellone dove giustamente l’argentino prova a continuare a dire la sua. Ancora una volta Schwartzman si è dimostrato più solido dell’avversario, e questo senza essere al meglio fisicamente. Tanto è bastato per battere 7-6, 7-5, 2-6, 6-2 “l’incompleto” Pouille che così non riesce a replicare il quarto dello scorso anno. Schwartzman che trova Carreno-Busta e Kevin Anderson – che ha battuto ahinoi Lorenzi – che sfida Sam Querrey.

Scusa, questo video non è più disponibile

Il tennista americano non ha deluso le aspettative e ha fatto sul sol boccone di Mischa Zverev. Primo set dal clamoroso livello tennistico di Querrey che ha servito come un treno e aggredito Zverev di risposte nei piedi o passanti d’autore sulle discese a rete, poi il tedesco è sceso per via anche di qualche guaio fisico (alla spalla) ma l'americano ha tenuto comunque per tutta la partita un grande, grandissimo livello di tennis (confermato dai 55 vincenti finali con cui ha suggellato la sua prima volta di sempre sull'Ashe). Tutto ciò è bastato a Querrey per imporsi 6-2, 6-2, 6-1 nella quasi indifferenza anche della stampa locale, che ha lasciato praticamente completamente libera la tribuna stampa.

0
0