Getty Images

Serena Williams non si ferma: spazzata via la Sevastova, 4 anni dopo è di nuovo finale!

Serena Williams non si ferma: spazzata via la Sevastova, 4 anni dopo è di nuovo finale!

Il 07/09/2018 alle 02:48Aggiornato Il 07/09/2018 alle 04:52

L'americana piazza un impietoso 6-3, 6-0 alla malcapitata Anastasija Sevastova, raggiungendo così la finale dello US Open a 4 anni di distanza dall'ultima volta e poco più di un anno dopo aver dato alla luce il suo primogenito. Per la Sevastova, partita bene, un clamoroso 12-1 di parziale subito dal break con cui era andata avanti in apertura di match. Per Serena ora una tra Osaka e Keys.

dall'inviato a New York - Un'ora e sei minuti. Quattro minuti in meno di quanto era stata costretta in campo dalla polacca Magda Linetta al primo turno, quando si impose per 6-4, 6-0. Stasera, Serena Williams, contro la 'povera' lettone Anastasija Sevastova, ha fatto anche meglio. Già perché i game lasciati in tutto il corso nella partita sono stati soltanto 3; oppure uno, se vogliamo considerare il parziale di gioco da quando la Williams è entrata effettivamente in partita: 12-1.

Già perché Sevastova aveva anche provato a partire col piede giusto: un paio di corte ben fatte, qualche taglio, un break a freddo per un 2-0 a suo favore che prometteva per il pubblico battaglia. Una mera illusione. Dodici giochi a uno, da quel momento, il parziale a favore dell'americana: padrona del gioco, del campo, del proprio destino.

Sevastova è stata spazzata così via dalla consueta prova di forza della Williams, questa sera capace anche di scendere 28 volte a rete a prendersi il punto. Un dominio, insomma, semplicemente incontrastato.

E così, la Sevastova, alla stregua di una Linette o di una Witthoeft qualunque, si è dovuta semplicemente prendere gli applausi della sconfitta e accomodarsi piuttosto rapidamente verso l'uscita. Serena, questa sera, infatti, aveva solo e soltanto un obiettivo in mente: centrare la finale dello US Open a distanza di quattro anni dall'ultima volta. Ci è riuscita. Cancellando la beffa clamorosa del 2015 a firma Roberta Vinci o quella dell'anno successivo targata Karolina Pliskova, prima che l'attività di mamma non ne impedisse nella passata stagione di parteciparvi. Già perché proprio di questo periodo, un anno fa, la Williams dava alla luce la sua primogenita. Trecentosettanta giorni dopo, invece, la più grande tennista di sempre sembra essere tornata per prendersi, con gli interessi, tutto quello lasciato per strada. In bocca al lupo a Osaka o Keys, sue avversarie in finale. Servirà di certo.

Video - US Open: Serena Williams-Sevastova 6-3 6-0, gli highlights

02:59
0
0