Getty Images

Federer e il post trauma Djokovic a Wimbledon: tra roulotte, torte di Mirka e bambini

Federer e il post trauma Djokovic a Wimbledon: tra roulotte, torte di Mirka e bambini

Il 13/08/2019 alle 14:18Aggiornato Il 13/08/2019 alle 14:28

Il campione elvetico ha impiegato giorni a metabolizzare il ko nel 'giardino di casa di Londra' dello scorso luglio contro il serbo ("non ci ho dormito la prima notte"), ma grazie alla normalità e all'amore della famiglia ora è pronto a tornare: "Non vedo l'ora di affrontare ancora Djokovic".

Ci sono batoste e batoste. Alcune, infatti, potrebbero stendere anche un bisonte. Serve grande freddezza, forza d'animo, personalità e un ambiente familiare adatto a supportare e sopportare la rumorosa caduta. E' quello che è successo a Roger Federer dopo la cocente sconfitta nella finalissima di Wimbledon del luglio scorso per mano di Novak Djokovic. Una finale epica, bellissima, incredibile, che l'elvetico sembrava poter chiudere al quinto set con due match point a disposizione, ma che si è visto sfilare via al tie-break. Una batosta, appunto.

E così Roger si è rifugiato nella sua Svizzera, tra i monti prima, con la sua famiglia poi: "Sì, è stata una sconfitta difficile da digerire - la confessione a Ticinoline - Due giorni dopo ci pensavo ancora tanto e avevo molti rimpianti. In questi casi, però, è importante avere una mentalità positiva per andare avanti".

Video - La mentalità di Federer: "Ho sprecato una grande chance, ma non mi deprimo e vado avanti"

01:07

Le torte di Mirka

" Ho dormito male la prima notte ed è stato difficile scendere dal letto con la piccola scala della roulotte. Ma i bambini volevano così tanto uscire in famiglia che non potevamo rifiutare. Il mio compleanno? Eravamo in montagna e abbiamo organizzato una semplice festicciola con amici. Mirka ha fatto una torta e ai bambini è piaciuta molto"

Pronto agli US Open e a battagliare con Djokovic

E ora? Pronto all'esordio a Cincinnati, e poi occhi fissi sugli US Open pronto più che mai a battagliare ancora con Djokovic: "Dopo Wimbledon ero davvero furioso di aver perso così, non vedevo l'ora di affrontare di nuovo Djokovic.Sono andato bene su tutte le superfici. Non ho avuto problemi alla schiena per due anni e sono contento che il ginocchio si sia ripreso bene. Non so per quanto tempo giocherò di nuovo. Ma sono molto contento del mio livello e dei miei risultati".

US Open in ESCLUSIVA su Eurosport ed Eurosport Player

Qualificazioni: da lunedì 19 agosto a venerdì 23 in diretta le qualificazioni degli US Open a partire dalle 17:00 su Eurosport, Eurosport 2 e su Eurosport Player.

Bonus channel dedicati sul Player per tutte le partite delle qualificazioni, da lunedì 19 a venerdì 23 ma non solo. Canali aggiuntivi garantiscono la completa copertura del torneo, fino a 16 campi live in contemporanea per 250 ore di tennis in diretta dai campi di New York. Su Eurosport 1 i match di cartello, su Eurosport 2 le partite degli italiani, su Eurosport Player tutti i match concomitanti LIVE da 16 campi. Flavia Pennetta sarà protagonista del vodcast 'L'angolo di Flavia' a cura della redazione di .

Con Eurosport Player potrai seguire quindi le partite di tutti i tuoi tennisti preferiti con un'offerta unica nel suo genere.

Video - Roger Federer, la storia infinita: 38 colpi da maestro per celebrare i 38 anni del campione svizzero

02:56
0
0