Getty Images

Favoriti, sorprese e nomi caldi: i pronostici di Eurosport per gli US Open

Favoriti, sorprese e nomi caldi: i pronostici di Eurosport per gli US Open
Di Eurosport

Il 25/08/2019 alle 09:13

Abbiamo chiesto alle nostre voci e penne del tennis un pronostico per l'ultimo slam della stagione: favoriti, sorprese e nomi da tenere d'occhio. Dal solito duello a distanza tra Federer, Djokovic e Nadal alle consuete incognite del tabellone femminile.

I pronostici di Simone Eterno

I FAVORITI

Novak Djokovic . Nonostante Nadal sia finito in una parte di tabellone indubbiamente più semplice, a mio parere resta Djokovic l’uomo da battere. E’ vero, dalla sua avrà potenzialmente prima Medvedev e poi Federer (ammesso che vengano rispettati tutti i pronostici) ma a oggi resta lui il favorito per la vittoria del torneo maschile. Sono i risultati recenti, al di là di tutto, a volercelo dire; ma soprattutto la rinata sensazione di un tennista capace, quando conta davvero, in qualche modo di vincere sempre e comunque. Wimbledon docet.

Simona Halep . Gli US Open non sono mai stati il suo torneo, come dimostrano le uscite al primo turno negli ultimi due anni. Questa volta però potrebbe essere diverso. Il livello con cui la Halep si è espressa a Wimbledon è stato francamente impressionante ed è questa la ragione che mi porta a fare il nome della romena. Unito a questo c’è anche l’assenza di alternative particolarmente credibili: Osaka, Barty, la stessa Serena Willians; nessuna di queste parte particolarmente più avanti. L’infortunio di Toronto non è nulla di grave e se ritrova il livello dell’All England Club è lei la più forte del lotto.

Video - Dai punti decisivi alla solidità mentale, Djokovic vince il torneo: tre minuti a Wimbledon, Day 13

03:19

LE SORPRESE

Nick Kyrgios . L’australiano è per definizione una potenziale sorpresa: quando si sveglia col piede giusto può mettere in fila tutti e questo si sa. Accade, chiaramente, sempre più di rado. Ma a Washington ad esempio ha fatto vedere grandi cose, battendo sia Tsitsipas che il cladissimo Medvedev. Piazzato nel quarto di Tsitsipas e Thiem, potrebbe davvero fare tanta strada, perché no fino alla semi. A patto che non si addormenti al primo turno in un match non banale con Steve Johnson.

Medvedev & Kyrgios nella premiazione dell'ATP 500 di Washington, 2019

Medvedev & Kyrgios nella premiazione dell'ATP 500 di Washington, 2019Getty Images

Victoria Azarenka . Sorprese nel femminile ormai sono all’ordine del giorno in ogni torneo. Continuo ad affidarmi alla Azarenka che non vince tra partite di seguito dagli Internazionali d’Italia ma che al primo turno potrebbe essere stimolata dal derby contro la Sabalenka. Dovesse uscirne viva, non avrebbe un tabellone impossibile.

I NOMI DA TENERE D’OCCHIO

Daniil Medvedev . E’ senza dubbio il russo il giocatore più caldo. Finale a Washinton, finale a Montreal, vittoria a Cincinnati. Tre finali consecutive sul cemento nella stagione americana non si vedevano dai tempi di Agassi. Fin troppo banale indicare la figura del russo come quella da tenere maggiormente d’occhio, ma tant’è non si può davvero scappare.

Bianca Andreescu . Il successo a Toronto l’ha ributtata nuovamente sotto i riflettori dopo che in inverno, dal nulla, si era presa le copertine con l’incredibile corsa a Indian Wells. I guai fisici paiono essere risolti e il tennis di questa ragazza è veramente esplosivo. Se entrambe rispetteranno il pronostico, l’ottavo di finale con la Halep potrebbe essere roba davvero esplosiva.

Bianca Andreescu dopo la vittoria al WTA Premier di Toronto

Bianca Andreescu dopo la vittoria al WTA Premier di TorontoGetty Images

I pronostici di Jacopo Lo Monaco

I FAVORITI

Novak Djokovic. Anch'io scelgo Djokovic. Penso possa rischiare eventualmente con Medvedev nei quarti o forse Wawrinka negli ottavi, a patto però che ci arrivino entrambi. Il suo rischio più grande però è che gli capiti una giornata dove faccia molto caldo oppure dove ci sia molto vento: penso possa essere più il clima a impensierirlo che gli avversari.

Serena Williams e Bianca Andreescu. Per me sono loro le favorite di un torneo femminile come al solito molto aperto. Se però non dovessero accusare problemi fisici sono loro le due più interessanti su questa superficie e per questa ragione mi gioco questo doppio nome; nonostante appunto le condizioni fisiche che alla distanza possono lasciare qualche perplessità.

Video - Serena Williams, Maria Sharapova e Naomi Osaka: tennis champagne e divertimento a New York

00:49

LA SORPRESA

Gael Monfils . Penso che il francese possa spingersi in là, perché no arrivare fino in semifinale. Nel quarto di Thiem e Tsitsipas ci si può fare strada, quindi o lui o perché no Bautista-Agut sono due nomi molto interessanti a mio parere qui dentro e che possono fare la semi. Tra l'altro Monfils non è nuovo a buone prestazioni a New York.

Wang Qiang. Trovo la cinese una giocatrice molto brava. Gioca bene, è abile e penso abbia un tabellone piuttosto interessante anche viste le condizioni della Kerber. Occhio dunque, può fare strada a mio parere.

Svitolina Monfils

Svitolina MonfilsEurosport

I NOMI DA TENERE D'OCCHIO

Jannik Sinner. Chiramente tutta l'attenzione sarà su di lui da parte degli italiani. Sono molto curioso di vederlo con Wawrinka, ma soprattutto di vederlo nei 3 su 5 per altro contro uno come Wawrinka. Dovesse vincere potrebbe aprirsi un bello spiraglio. Oltre a Sinner una menzione la faccio anche per Hurkacz che sta diventando sempre più forte.

Nel femminile ci sono vari nomi. Iga Swiatek sta crescendo bene e ha i primi due turni alla sua portata. Elena Rybakina, che viene dalle qualificazioni, è una giocatrice che mi ha fatto una buonissima impressione e con Muchova al primo turno se la gioca. Infine occhio anche a Misaki Doi: ha un tennis che può dar fastidio alla Keys al primo turno.

Elena Rybakina

Elena RybakinaGetty Images

I pronostici di Alessandro Dinoia

I FAVORITI

Djokovic. Vincere anche gli US Open, dopo gli Australian Open e Wimbledon, vorrebbe dire per il serbo replicare le stagioni 2011 e 2015, due annate da cineteca che l’hanno visto cadere solo al Roland Garros. Il Djoker lo sa, sta bene nonostante quel gomito che gli ha dato qualche fastidio a Cincinnati e considera giustamente il ko in Ohio, contro un grande Medvedev, solo un incidente di percorso. Risulta difficile in questo momento indicare un altro favorito, specialmente sul cemento.

Credo che possa essere arrivato il momento di Karolina Pliskova. Nel torneo in cui vanta il miglior risultato negli Slam (la finale del 2016), la ceca può esprimersi al meglio e sfruttare la solita incertezza del tabellone femminile. Ai quarti è dalla parte di Elina Svitolina, avversaria alla sua portata: fermarsi prima sarebbe un fallimento.

Karolina Pliskova a Toronto - 2019

Karolina Pliskova a Toronto - 2019Getty Images

LE SORPRESE

Jannik Sinner. Più che una possibile sorpresa è una speranza per il nostro tennis. C’erano 17 azzurri nelle qualificazioni tra uomini e donne, ma l’unico che è riuscito a qualificarsi al main draw è il 18enne di San Candido. Fino a marzo giocava i Futures, mentre ora è pronto al suo primo major. Il debutto gli ha regalato Stan Wawrinka: se dovesse stupire tutti con un successo, gli toccherebbe poi il polacco Hubert Hurkacz, altro giovane promettente e mina vagante del circuito. Procediamo, però, step by step e...in bocca al lupo, Jannik!

Video - Jannik Sinner, la scalata da record del 2001 che fa sognare il tennis italiano

01:10

Sofia Kenin è una giocatrice calda dopo le semifinali raggiunte a Toronto e Cincinnati. Al primo turno ha subito un derby molto interessante con Coco Vandeweghe che, però, è appena tornata all’attività dopo un 2019 di patimenti e appena tre match giocati. Al terzo turno, potrebbe affrontare un altro derby a stelle e strisce contro Madison Keys, in una rivincita della partita andata in scena una settimana fa in Ohio.

I NOMI DA TENERE D'OCCHIO

Daniil Medvedev è, al momento, l’unica alternativa credibile ai tre totem del tennis mondiale. L’esponente più continuo della Next Gen è fresco di trionfo a Cincinnati: un premio alla serietà e all’umiltà di un giovane che pensa più al campo che ai social e che sa gestire senza eccessiva euforia anche le grandi vittorie. Certo, gli Slam sono un altro sport perché si gioca tre set su cinque, ma un quarto di finale contro Novak Djokovic sarebbe davvero una sfida da circoletto rosso.

C’è molta attesa per Cori Gauff dopo la scalata terminata agli ottavi di Wimbledon. Nello Slam di casa, l’enfant prodige non ha un tabellone semplice: all’esordio la Potapova, poi una tra Babos e Suarez Navarro e nella migliore delle ipotesi un terzo round contro la numero 1 del mondo Osaka. Per la 15enne andare in rotta di collisione con la detentrice del titolo vorrebbe dire di aver già fatto il suo dovere e poi chissà...

Video - Cori Gauff, la 15enne prodigio che sta incantando Wimbledon nel mito delle sorelle Williams

01:40
0
0