Getty Images

Camila Giorgi non tradisce: battuta la Brengle, è al 3° turno

Camila Giorgi non tradisce: battuta la Brengle, è al 3° turno

Il 04/07/2018 alle 17:22Aggiornato Il 04/07/2018 alle 18:43

La tennista di Macerata batte l'americana e raggiunge il terzo turno di Wimbledon per la quinta volta in carriera dove attende la vincente di Siniakova-Jabeur: 6-4 6-4 il punteggio in un'ora e 17 minuti in una partita sempre nelle mani dell'azzurra, nel bene e nel male.

In pieno stile Giorgi la nostra unica rappresentante italiana presente nel tabellone femminile di Wimbledon supera l’ostacolo Madison Brengle. Camila batte un’avversaria che in passato le aveva dato dei problemi, come raccontavano i tre precedenti più recenti (tutti persi), e accede al terzo turno dei Championships per la quinta volta in carriera.

L’azzurra comanda il gioco, fa e disfa indirizzando il match nel bene e nel male. La falsa partenza viene ribaltata dall’1-3 al 4-3 quando la Giorgi decide di centrare il campo e non regalare errori gratuiti all’americana. Nel decimo gioco la Brengle incappa in un pessimo game al servizio e si consegna al primo 6-4.

Potrebbe essere ordinaria amministrazione vista la differenza di valori e l’attitudine all’erba, superficie che si adatta al gioco di Camila, ma un passaggio a vuoto fragoroso costa lo 0-3 in una decina di minuti. La Brengle ringrazia per il gentile omaggio senza aver fatto nulla, fino al nuovo cambio di marcia dell’italiana che spinge e sale sul 5-3 spostando l’americana a suon di vincenti (40 a 3 il totale).

Camila Giorgi - Wimbledon 2018

Camila Giorgi - Wimbledon 2018Getty Images

Sul 5-4 la Giorgi getta all’aria tre match-point, ma rimedia con il doppio 6-4 che vale la sua ottava volta al terzo turno di uno Slam. Venerdì se la vedrà con Siniakova o Jabeur e cercherà di tornare agli ottavi di un major per la prima volta dagli US Open 2013. Sei anni dopo la sua migliore edizione all’All England Club Camila ha un tabellone favorevole: tutte le teste di serie, da Radwanska a Vandeweghe a Wozniacki, sono già a casa. Per andare avanti, però, bisognerà limitare gli errori: 30 a 6 anche oggi a fotografare alla perfezione l'ottovolante Giorgi.

0
0