Getty Images

Svitolina ancora regina: è bis a Roma, l'ucraina pialla la Halep

Svitolina ancora regina: è bis a Roma, l'ucraina pialla la Halep

Il 20/05/2018 alle 14:18Aggiornato Il 20/05/2018 alle 14:37

Partita strepitosa della tennista ucraina che un anno dopo il successo agli Internazionali proprio sulla Halep, si riconferma anche nella rivincita. Punteggio nettissimo: 6-0, 6-4 in un'ora e 7 minuti. La Svitolina torna n°4 del mondo, vince il terzo titolo su 3 finali nel 2018 e si conferma strepitosa negli ultimi atti: ottava finale consecutiva vinta, 12-2 in carriera. Strepitosa.

Spettacolare. E’ ancora Elina Svitolina la regina del Foro Italico. Dopo il successo dello scorso anno su Simona Halep, la tennista ucraina concede il bis anche nel remake.

Partita ancor più semplice per la n°4 del mondo, che ha giocato un tennis strepitoso. Sempre in spinta, sempre in comando dello scambio, ma soprattutto solidissima. Una solidità che di contro non è riuscita invece a trovare la Halep, oggi in versione davvero ridimensionata.

Elina Svitolina, Internazionali d'Italia 2018

Elina Svitolina, Internazionali d'Italia 2018Getty Images

Diciamolo chiaramente: l’attuale n°1 del mondo oggi ha fatto una figuraccia. Piallata in 19 minuti nel primo set, sotto di un break sul 3-1 dopo 36 minuti nel secondo. Solo un medical timeout e un rovescio sbagliato a rete della Svitolina sulla doppia palla break del 7° game hanno evitato che questa partita finisse sotto l’ora di gioco. Altrimenti, per quanto visto in campo, così sarebbe stato.

La tennis ucriana si conferma così strepitosa in questo 2018, con il terzo titolo conquistato dopo Brisbane e Dubai ma soprattutto eccezionale quando deve giocare le finali. Siamo all’ottavo successo consecutivo negli ultimi atti, che diventa un clamoroso 12-2 a livello professionistico. Solo Radwanska e Kvitova sono riuscite a batterla in finale; ed era il 2016 (New Haven e Zhuhai).

Vedremo se questa potente e talentuosa giocatrice saprà ora fare il passo in più anche negli slam, dove non è mai riuscita ad andare oltre ai quarti di finale. Uno step necessario per scalare l’ultimo gradino... E magari spodestare una Halep che, in fondo, quando conta, è proprio l’opposto della Svitolina: una giocatrice che non convince. Oggi l’ennesima prova. A Parigi per nuovi e più precisi verdetti.

0
0