Getty Images

Maria Sharapova inarrestabile: liquida la Kontaveit e vola in semifinale

Sharapova inarrestabile: liquida la Kontaveit e vola in semifinale
Di Eurosport

Il 28/04/2017 alle 15:33Aggiornato Il 28/04/2017 alle 17:10

La siberiana non sbaglia nulla nemmeno nel terzo incontro dal rientro in campo: vittoria in due set (6-3, 6-4): ora se la vedrà con Kristina Mladenovic, capace di sconfiggere Carla Suarez Navarro (6-3, 6-2)

Non c’è due senza tre. Il volo di Maria Sharapova su Stoccarda prosegue senza turbolenze anche nei quarti di finale del torneo tedesco, con un netto successo ai danni della 21enne estone Anett Kontaveit. Dopo aver battuto Roberta Vinci ed Ekaterina Makarova, la russa non stecca la terza prova, confermando un ruolino di marcia che l’ha vista procedere senza nemmeno un set perso.

Un primo set da incorniciare

Equilibrio in avvio, con sei giochi tanto veloci quanto disputati punto a punto. A Masha basta però il primo scatto per dare la svolta all’incontro. La prima palla break, conquistata nel settimo game, vale il 4-3 confermato da un game tenuto a zero e da un nuovo break nel turno successivo di servizio di Kontaveit. In parole povere, Sharapova fa suo il primo set in totale facilità: 35 minuti di gioco e 6-3 condito da 12 vincenti e soltanto 4 errori non forzati.

Complicazioni solo in coda

Il match pare poter scivolare via facilmente per la siberiana, che al quarto gioco trova il break. Il servizio da destra, però, cala improvvisamente di tensione e porta alle prime tre palle break concesse all’estone. Che, prontamente, ne sfrutta una e si riavvicina nel punteggio. Sharapova reagisce di nervi, strappando nuovamente il servizio all’avversaria e andando sul 4-2. Non resta che chiudere l’incontro, ma l’ultimo game di servizio si rivela il più complicato. Masha concede addirittura cinque palle break e perde il turno. Poco male, perché il match-point arriva sul servizio di Kontaveit e porta al 6-4 finale.

Ora Kristina Mladenovic

L’ex numero uno al mondo torna a giocare una semifinale per la prima volta dalle WTA Finals del 2015, con l’obiettivo di tornare al primo atto decisivo dal torneo di Roma dello stesso anno, del resto anche l’ultima vittoria in carriera (conquistata contro Carla Suarez Navarro, battuta nei quarti da Kristina Mladenovic: l'avversaria di Masha sarà la francese). Masha arriva a questo punto del torneo senza aver perso un set, con tre soli turni di servizio concessi all’avversaria (il primo contro Roberta Vinci e i due di oggi contro Kontaveit) e 15 palle break totali lasciate alle tre opponenti (6 a Vinci, una a Makarova e 8 a Kontaveit). La forma c’è già, la continuità del servizio è tornata a farsi più oscillante. I veri test, in sostanza, devono ancora arrivare.

Scusa, questo video non è più disponibile

0
0