Eurosport

World Urban Games, lo sport di città arriva a Budapest

World Urban Games, lo sport di città arriva a Budapest

Il 12/09/2019 alle 10:44Aggiornato Il 12/09/2019 alle 17:55

Contenuti sponsorizzati

La capitale ungherese ospiterà dal 13 al 15 settembre i World Urban Games, i primissimi giochi globali dedicati agli sport di ultima generazione particolarmente apprezzati e praticati in città.

Non solo il famoso parkour, ma anche BMX freestyle, roller freestyle, breaking, basket 3×3 e flying disk: questo e molto altro sono i World Urban Games.

Sport di nuova generazione, particolarmente amati dai giovanissimi e da loro praticati nei cuori delle città di tutto il mondo: dalla strada alle competizioni internazionali, tra atleti che sono anche un po’ artisti, precursori di discipline che fino a poche decine di anni fa non esistevano nemmeno.

Il tutto confezionato in maniera impeccabile e accompagnato da manifestazioni musicali che celebrano la cultura urban giovanile: questi sono i World Urban Games.

Le parole d’ordine di questi nuovi sport? Innanzitutto creatività, ma anche impegno, ricerca della perfezione, coinvolgimento degli spettatori, rispetto per gli avversari e connettività a livello globale. Ultimo, ma non per questo meno importante, una grande attenzione nei confronti dell’ambiente.

Oltre agli sport sopra citati, ci saranno delle dimostrazioni di altre due discipline urban: laser run e indoor rowing. Chi avrà la fortuna di essere a Budapest, oltre ad ammirare dal vivo i migliori atleti del mondo, potrà cimentarsi in training session aperte a tutti, nel pieno rispetto del principio della globalità e della condivisione. Venerdì e sabato ci saranno le fasi iniziali delle gare, mentre domenica si svolgeranno le finali, che decreteranno i vincitori di questi primi WUG.

Bisogna sottolineare che uno sport come la BMX è presente anche nel programma olimpico moderno. Considerando che alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 farà il suo ingresso sulla scena olimpica l’arrampicata sportiva, non è assurdo pensare che tra qualche anno, discipline in via di sviluppo come il parkour o come il flying disk diventino parte della competizione sportiva a cinque cerchi.

0
0