Imago

Si accende la lotta per il titolo di vice campione del mondo

Si accende la lotta per il titolo di vice campione del mondo
Di Eurosport

Il 22/10/2015 alle 17:46Aggiornato Il 29/04/2016 alle 16:46

Nuovo appuntamento del mondiale rally: in Spagna torna il WRC 2015 dalla Catalunya. Occhi puntati sul campione del mondo Sebastien Ogier, chiamato al riscatto dopo il passo falso della Corsica. Lotta Citroen-Hyundai per il secondo posto nel costruttori, con la casa coreana che ha rinnovato con Paddon per altri tre anni.

Penultimo appuntamento per il mondiale rally WRC 2015. Con il titolo piloti e quello costruttori già assegnato, si corre per la gloria e per la posizione di vice in entrambe le generali.

Per quanto riguarda la classifica piloti, dietro l'ormai tre volte campione del mondo Sebastien Ogier, lotta per il secondo posto tra Latvala e Mikkelsen. In finlandese, dopo un brutto inizio di stagione, negli ultimi 4 appuntamenti ha ottenuto due vittorie con altrettanti secondi posti. Nonostante abbia ammesso il totale fallimento di questa stagione Jari-matti è avanti di ben 34 lunghezze rispetto al compagno, e già al termine dell'appuntamento spagnolo potrà fregiarsi del titolo di vice campione del mondo.

La battaglia tra le case è decisamente più combattuta. Citroen ha sopravanzato Hyundai al termine del weekend in Corsica e ora è seconda con un solo punto di vantaggio rispetto ai rivali. Meeke e Ostberg sono in gran forma, sicuramente meglio di Thierry Neuville e Dani Sordo. Nota lieta per la casa coreana è il rinnovo triennale di contratto per Hayden Paddon, segno che in casa Hyundai si continuerà ad investire ancora tanto nel mondiale Rally. Ottima notizia, contando che entro breve ci sarà anche Toyota a fare compagnia alle altre case.

In Ford tutto sempre nelle mani di Elfyn Evans e Ott Tanak. Anche Robert Kubica ci sarà in Spagna: il polacco volante però ha annunciato che per il prossimo anno potrebbe ridurre le presenze nel mondiale, forse per tornare a gareggiare in circuito.

Il favorito però alla fine è sempre lui: sul tracciato misto asfalto e sterrato Sebastien Ogier parte con i favori del pronostico. A casa sua in Francia è andata male per colpa dei problemi alla sua vettura, in Spagna difficilmente non lotterà per il successo.

Sono ben 23 le speciali del rally di Spagna per oltre 1280 km complessivi. Asfalto, sterrato e ghiaia saranno i principali protagonisti dell'evento, trovare il giusto setup della vettura sui diversi terreni è impresa ardua e complicata. Power stage conclusiva di 12 kilometri.

0
0